Inter News 10 maggio 2017 | Tutte le notizie Inter del giorno

Inter News 10 maggio 2017 | Le principali notizie Inter del giorno

Inter News del 20 maggio 2017, le principali notizie Inter della giornata a cura di Salvatore Impusino.

Vecchi, nuovo allenatore dell’Inter : “Dobbiamo provare a raggiungere l’Europa”

“Non abbiamo molto tempo, ma mi auguro di trovare un gruppo che abbia voglia di soffrire. Ho chiesto ai ragazzi di dare tutto in queste ultime tre gare e nel primo allenamento ho avuto le giuste risposte. Europa League? Non dipende solo da noi, dobbiamo provare a vincere il maggior numero possibile di partite, sperando nei passi falsi degli altri. Dobbiamo finire la stagione in modo positivo, in modo degno”

“Dobbiamo provare a raggiungere l’Europa fino all’ultima giornata – ha proseguito Vecchi – non possiamo avere rimpianti. In questo momento i risultati vanno contro la qualità reale dei nostri giocatori, che sono di livello internazionale. Sassuolo? Il Sassuolo è una bella squadra, che gioca con la testa libera. Vorrei vedere i miei giocatori dimostrare sul campo quello che sanno fare”.

L’agente di Pioli Satin : “Esonero che Stefano non si aspettava”

“Per lui è stata una sorpresa. Era estremamente motivato a portare avanti il suo lavoro con l’Inter. E a parte gli ultimi risultati, stava facendo molto bene. Questo è evidente. È un peccato. Ripeto, sicuramente non si aspettava questo esonero”.

Mancini : “Non mi aspettavo l’esonero di Pioli”

“Non me l’aspettavo, non so perché hanno preso questa decisione, non ne ho idea. Non ho molte cose da dire, ogni volta che parlo di Inter cerco di non fare polemiche. Non mi riguarda e non saprei cosa dire, non so cos’è successo. Sulla stessa barca di Pioli? No, io sto sulla mia, ma quando uno fa l’allenatore queste sono le regole del gioco. Non mi scandalizzerei più di tanto”.

Ex Inter Simoni a Sportmediaset : “Inter abituata agli esoneri”

“E’ difficile dare un giudizio da fuori sull’esonero di Pioli. Però è stata una cosa che mi ha sorpreso. All’Inter hanno un po’ questa abitudine di mandare via gli allenatori, come hanno fatto con me. Però secondo me no era il caso di fare un cambio a tre giornate dalla fine. I dirigenti dell’Inter non hanno grande esperienza a livello calcistico, quindi ci si deve aspettare di tutto. Questa squadra ha bisogno di essere cambiata, non si vede mai una situazione tecnica fatta bene: tutte le volte c’è qualcosa di nuovo, ci sono delle sorprese”.

“Chi prenderei per la panchina dell’Inter? Ci sono due allenatori che terrei in considerazione: Simeone e Conte che è molto bravo ma che forse non è visto benissimo dai tifosi, a differenza del Cholo. Vedremo, sicuramente dovranno fare un colpo in panchina per accontentare la piazza. L’ipotesi Spalletti? Anche lui è un altro bravo allenatore. Caratterialmente lo conosco bene, siamo vecchi amici ma l’Inter è una squadra che non ha tranquillità, è sempre una sorpresa e Spalletti non è un allenatore molto ‘tranquillo’. Non so se l’ambiente dell’Inter attuale sia giusto per lui”.

Mazzola sull’esonero di Pioli : “Inter impaziente”

“Dieci allenatori in 7 anni? Mah… vuol dire non avere le idee chiare come dirigenza, perché prima di prendere un allenatore bisogna studiarlo, valutarlo e parlargli. Se poi in seguito alle valutazioni si decide di prenderlo, è anche colpa della società se non va bene. Non solo del tecnico”.

“Io credo che la società sia impaziente. Non si può fare tutto subito. Sui giocatori? Per quanto riguarda questo discorso, è difficile parlare dal di fuori. Non si può dare un giudizio, perché bisognerebbe vedere come si allenano, se seguono l’allenatore…”

Mazzola : “Conte o Spalletti? Io prenderei Spalletti”

“Conte o Spalletti? E’ una bella lotta. Entrambi possono fare il bene dell’Inter. Io sarei più per Spalletti, anche per motivi di colori. L’importante è che arrivi uno che possa lavorare e ricominciare da capo. Sabatini è molto valido, lo conosco bene”.

Bergomi : “I tifosi dell’Inter non si meritano tutto questo”

“Mi spiace tanto, siamo diversi da tutti gli altri tifosi e non lo meritiamo. Chi al suo posto? La storia dice che i nerazzurri vincono con l’uomo forte: Bersellini, Herrera, Mourinho. Gestivano tutto loro. Luciano Spalletti mi piace tanto, cosa vuoi dire alla sua Roma? Antonio Conte e Diego Simeone sono grandi tecnici, dove vai a scegliere scegli bene”. Bergomi fa anche un appunto sulla gestione della situazione da parte della società: “La distanza tra Italia e CIna non consente di essere immediati nell’intervenire. Dopo Genoa-Inter mi aspettava che mandassero qualcuno a parlare, invece hanno mandato Gary Medel che non parla italiano”.

“L’arrivo di Sabatini? Mi sembra una scelta che va a delegittimare chi oggi lavora nella società. Questa gente è capace, lavora per l’Inter da anni. Se si vuole innovare bisogna anche rendersi conto della storia e valorizzare chi hai all’interno. Sabatini sarà supervisore, ovvio che vivrà a Milano e ci sarà anche lui sul mercato. Non metto però in dubbio che sia un grande professionista. Poi se dovesse entrare Gabriele Oriali è un altro grande personaggio che non ha paura a prendersi le responsabilità, ma diventano troppi personaggi”.

Boninsegna a Gazzamercato : “Esonero che poteva essere evitato”

“L’esonero di Pioli è un colpo basso che poteva essere evitato. Si è preso le colpe di una squadra fatta male da una società disorganizzata. Ha sbagliato perché non è riuscito a tenere alta la concentrazione e la gestione, soprattutto il cambio di Icardi di domenica.”

Ex. all. Fascetti : “Esonero deciso dai giocatori. Manderei via Icardi”

“Ha peccato di lesa maestà, e da lì a poco è scattato il provvedimento: nella scorsa partita ha deciso di togliere dal campo Mauro Icardi e questa è la conseguenza…Questo è un esonero dettato dai giocatori. Ho visto tutte le partite recenti della squadra interista, e posso affermare che per come i giocatori sono scesi in campo nessuno merita la riconferma. Manderei via anche Icardi, certamente”.

Tronchetti Provera : “Pioli non ha funzionato” E poi apre a Conte : “Ben venga”

“Esonero di Pioli? Il calcio è fatto così, quando ci sono risultati negativi l’allenatore se ne deve prendere la responsabilità. È il calcio, Pioli è ottimo ma purtroppo non ha funzionato in quest’ultimo periodo. Esonerarlo a 3 giornate dalla fine? È anche normale che la società si assuma la responsabilità”. L’attenzione si è inevitabilmente rivolta poi verso il sostituto dell’ormai ex tecnico nerazzurro, Stefano Vecchi permettendo: “La scelta sta alla società, sicuramente sarà un grande allenatore. Chi vorrei? Quello in grado di dare ai tifosi interisti la squadra che l’Inter sogna. Nessuna preclusione su Conte. L’Inter ha grandi giocatori, va rafforzata. Sono sicuro che faranno la scelta giusta”

Chiudi il menu