Calciomercato Inter

Inter : “Così impari”. Il Sassuolo spara alto per Duncan

L'Inter e le cessioni delle giovani promesse a prezzi stracciati. I soliti "errori di gioventù"

L’Inter: continua la ricerca del centrale di centrocampo per l’Inter. Si parla con il Sassuolo per l’ex nerazzurro Duncan, classe ’93, che però è supervalutato dagli Emiliani.

Inter, ceduto solo due anni fa per 2,5 mln alla Samp

Il Ghanese, proveniente dalla “cantera” nerazzurra, reduce da due stagioni da titolare a Sassuolo, ora viene valutato intorno ai 18/20 milioni dagli Emiliani, circa 3 volte tanto il prezzo speso dagli Emiliani per portarlo a titolo definitivo dalla Sampdoria (6 milioni), e ben 7 volte tanto il prezzo che la stessa Inter ha ricevuto dalla sua cessione ai Friulani.

Il classico “errore di gioventù”

Un problema che da anni l’Inter non riesce a risolvere è quello di non riuscire a valorizzare i giovani che escono dalla Primavera nerazzurra, che tra l’altro è da sempre una delle migliori d’Europa.

Basti pensare all’uomo più discusso di questo calciomercato, Leonardo Bonucci, ceduto al Genoa nel 2009 per soli 4 milioni. O al brasiliano Philippe Coutinho, ceduto al Liverpool per solo 13 milioni e che ora vale una vera e propria fortuna.

Chi era il compagno di reparto di Duncan nella primavera nerazzurra? Manco a dirlo, Marco Benassi, arrivato al Torino per poco meno di 5 milioni e con un valore attuale che è almeno 4 volte tanto.

Come gli appena citati, anche giocatori come Mattia Destro Giulio Donati (ceduto per poca roba al Bayer Leverkusen e ora in forza al Mainz) sono stati ceduti frettolosamente. Il tutto senza pensare al potenziale che avrebbero potuto fruttare in futuro.

Tutte queste sviste hanno gravato pesantemente sul mercato dell’Inter in questi ultimi anni, e dovrebbero essere da monito per il futuro. Perché non valorizzare i giovani nerazzurri dandogli la possibilità magari di fare esperienze in prestito per poi farli maturare con la maglia nerazzurra?

Come ad esempio Federico Dimarco, appena approdato in Svizzera, al Sion, a titolo definitivo per 4 milioni. Il terzino sinistro titolare anche nella nazionale Under 21 Italiana, poteva essere un giovane sul quale puntare, specialmente viste le necessità della squadra in quel ruolo. Probabilmente, però, bisognerà aspettare altri due o tre anni, come per Duncan, per rendersi conto del valore reale del ragazzo.

Forse ora abbiamo scoperto a cosa si riferiva Seneca quando diceva che errare è umano, ma perseverare è diabolico.

Back to top button