in

Inter News | L’Inter ha finalmente trovato il suo comandante

Inter News | L’allenatore ha le idee ben chiare sulla sua Inter

Inter News | Luglio doveva essere il mese dei grandi colpi dell’Inter che era pronta ad investimenti importanti sul mercato.

Cosi non è stato, siamo ormai alla fine del mese e non c’è stato ancora nessun acquisto di un top player ma, in questi 2 mesi l’Inter ha trovato il suo condottiero.

Luciano Spalletti ha fatto davvero un lavoro eccezionale sulla rosa e sulla mentalità dei giocatori nerazzurri.

In attesa di chiudere i prossimi colpi, Dalbert, Vecino e Karamoh il lavoro fatto sulla squadra dall’allenatore di Certaldo si vede eccome.

Facendo un paragone con L’inter dello scorso campionato la squadra sembra totalmente diversa.

Tattica, gioco in verticale, velocità e sopratutto tanto gruppo ed un “identà inter” che a Milano si era persa da un pò.

Mettere l’Inter al primo posto, sopra ai singoli è stata la vera rivoluzione di Spalletti, un incarnazione del concetto tutti sono utili ma nessuno è indispensabile.

Ed è vero, questa è L’inter, e i colori della maglia sono più importanti del nome scritto dietro.

Ma la bravura di Spalletti è stata sopratutto quella di rivalutare il potenziale all’Interno della rosa, perchè l’Inter nella scorsa estate aveva fatto un gran mercato che però non aveva dato frutti.

E’ precampionato certo, per cui andiamoci sempre piano ma i giocatori visti in queste partite sembrano i lontani parenti, in senso positivo, rispetto quelli dello scorso anno.

Con un Miranda messo al centro della difesa, responsabilizzato e che sembra tornato ai livelli della prima stagione Spalletti si sta godendo anche Skriniar, invstimento importante ma che si sta pian piano prendendo il favore di allenatore e tifosi.

Joao Mario e Gabigol sembrano aver trovato in Spalletti un allenatore in grado di fargli fare il salto di qualità.

Il Brasiliano sta imparando velocemente cosa vuol dire tattica, è diventato un giocatore funzionale, oltre ai grandi colpi adesso unisce la capacità di giocare per e con la squadra.

Corre, passa la palla e recupera in difesa.

Il Portoghese invece sta trovando una sua dimensione in mezzo al campo, e lo stesso Kondogbia al dilà dello spettacolare autogol di ieri sta facendo un gran precampionato.

In più l’acquisto di Borja Valero è essenziale per i meccanismi della manovra interista, diventando leader di una squadra in costruzione ma che sta gettando delle forti basi per il futuro.

Jovetic ed Eder con Spalletti si sono sentiti all’interno della squadra, al dilà di chi parte e chi resta sono pienamente parte della squadra.

Certo i grandi acquisti vanno fatti, ed è stato lo stesso Spalletti a rimarcare il concetto, e probabilmente arriverà qualche top player ma in attesa dei grandi colpi l’Inter ha lanciato un messaggio.

La squadra c’è, la squadra gioca e la squadra è una squadra unita.

Insomma in attesa di vedere cosa il mercato porterà a Milano l’inter si gode il suo condottiero, un uomo al comando che sta guidando davvero bene.

Tattica, organizzazione, voglia e gruppo, tutto costruito da un uomo che ha le idee ben chiare in testa.

Luciano Spalletti.

Fonte: Alfredopedullà.it

 

SS24, Il bilancio d’inizio stagione sotto la gestione di Spalletti

Inter News | Le parole del presidente nerazzurro tra presente e fututo