EditorialeInter

Spalletti su Perisic : chi vede polemiche o sbaglia o è in mala fede

Spalletti su Perisic, nessuna polemica

Spalletti lavora sul gruppo, il singolo viene dopo

Spalletti, dopo la vittoria sul Chelsea di ieri, ha parlato così a proposito di Perisic:
E’ importante la squadra non il giocatore.
Perché con Perisic l’anno scorso non abbiamo vinto nulla.
Importante è la squadra. Vince la squadra, non un singolo giocatore
.”
Diversi addetti ai lavori hanno letto in queste poche frasi un ulteriore via libera all’esterno nerazzurro verso lo United, se non addirittura un attacco quasi personale al croato.

Non è un attacco a Perisic, si lavora sul gruppo

Noi preferiamo un’altra lettura.
Da quando è arrivato, Spalletti sta portando avanti un lavoro innanzitutto psicologico, prima che tattico e tecnico.
Il mister toscano ha capito che nella rosa sono presenti valori tecnici indiscutibili ma con chiari problemi di autostima personale e di gruppo.
Il senso di appartenenza era un concetto sconosciuto ai più,la leaderschip invece anche.

La costruzione del gruppo

Su questo sta lavorando Spalletti, e chi non lo vuole vedere compie un errore madornale.
L’allenatore sa bene che a calcio si gioca prima con la testa, poi con gli attributi e infine coi piedi e sta lavorando di conseguenza.
Spalletti sta facendo quello che Josè Mourinho fece ai suoi tempi, con le debite proporzioni.
Allora si doveva convincere un gruppo di essere vincente su qualsiasi obbiettivo, ora si stanno ricostruendo quasi da zero le ragioni umane, psicologiche, motivazionali di un gruppo.
Si chiama “team building” ed è un’ operazione delicata, da affrontare con grande rispetto delle sensibilità di ciascuno dei giocatori.
In quest’ ottica è logico e comprensibile che Spalletti sacrifichi l’elemento individuale, chiunque esso sia, sull’altare del gruppo.
E’ il gruppo che vince, non il singolo protagonista, anche se è uno che strappa la partita o che la mette dentro 25 volte a stagione.
Oggi il sacrificato si chiama Perisic, domani potrà chiamarsi Icardi o Handanovic.

Errore di interpretazione o qualcosa di peggio?

Dare un significato diverso alle parole di Spalletti potrebbe essere frutto di un errore di interpretazione.
Ma potrebbe esserci una lettura anche meno benevola.
Qualcuno potrebbe strumentalizzare le parole di Spalletti per spargere zizzania, per continuare a sollevare artatamente polemiche.
D’altronde in casa nerazzurra le polemiche sono ospiti fisse anche perchè portano copie in più, attenzione, letture.
Senza rendersi conto del danno che si procura alla società ed alla squadra.
O peggio ancora, rendendosene conto e fregandosene alla grande.

Back to top button