Emre Mor, Di Maria, Berardi, quanti rimpianti Inter. E Spalletti…

Inter, il punto sui rimpianti del mercato

Luciano Spalletti, tecnico dell’Inter, non ha ricevuto quell’esterno destro che desiderava affiancare a Icardi, ma a gennaio…

Dispiace dirlo, ma purtroppo il mercato interista non soddisfatto granchè i tifosi nerazzurri. All’inizio le aspettative erano altissime. Si pensava che l’Inter avrebbe potuto fare un mercato da top club che però si è vista negare il consenso di spendere dal governo cinese. Sono stati tanti gli obiettivi sfumati in attacco. In primis però abbiamo Emre Mor, Angel Di Maria e Domenico Berardi. Per il giovane turco, la trattativa era ormai conclusa sulla base di un prestito con obbligo di riscatto fissato a 14 milioni di euro. A far saltare tutto furono le richieste vergognose dell’ormai ex procuratore del ragazzo che chiedeva 5 milioni di euro per il pagamento delle commissioni. Infatti, da li a poco e preso dalla delusione per il mancato approdo a Milano, Emre Mor ha licenziato il suo agente. Per Di Maria, che aveva ricevuto un’offerta di contratto pari a circa 8 milioni per 5 anni, sono stato le richieste troppo alte del patron del PSG Nasser Al Khelaifi, che per l’argentino chiedeva almeno 60 milioni di euro. Arrivando a Berardi, l’Inter ha deciso di rinunciare a causa del grosso ingaggio percepito dall’esterno italiano.

L’auspicio è che a gennaio si possa cominciare a spendere e ad investire liberamente, senza quei paletti che ormai da troppo tempo ostruiscono il mercato interista.

Chiudi il menu