Inter

Inter, un progetto di sorpasso. Firmato, Borja Valero

Borja Valero, l’architetto della mediana nerazzurra

Un capolavoro per nascere ha bisogno di un grande progetto: tra i calciatori, un grande progettista è sicuramente Borja Valero.

Un amore che nasce da lontano

L’amore che Luciano Spalletti nutre calcisticamente per Borja Valero ha radici lontane. Il tecnico toscano lo avrebbe infatti voluto  già a Roma per arricchire un già ottimo centrocampo.

L’incontro tra lo spagnolo e il mister si è però realizzato solo quest’anno, con “il sindaco” che è stato uno dei primi desideri espressi da Spalletti al tandem Ausilio-Sabatini.

Genio calcistico

Il genio calcistico di Borja Valero è visibile in ogni tocco di palla dello spagnolo. Pur non avendo mai posseduto una grande velocità, lo spagnolo non perde mai la palla.

Tocchi sopraffini che sembrano carezze, lanci precisi a tagliare il campo e il pressing avversario: ecco solo due degli infiniti numeri che fanno di Borja Valero un giocatore quasi unico.

L’ex viola rappresenta poi il faro del centrocampo che non si vedeva all’Inter da tempi ormai lontani: quando il pallone scotta, i compagni sanno a chi affidare la palla. Senza timori di tradimento.

La scia del sorpasso

Spalletti ci ha preso gusto e, nei prossimi impegni, tenterà la scalata alla vetta della classifica. Ma, si sa, prima di sorpassare bisogna mettersi in scia di chi precede.

I  nerazzurri non hanno nulla da temere: quando si parla di traiettorie e di scie, l’esperto è uno solo. Il suo nome è Borja Valero.

Back to top button