Inter

Ramires: alla scoperta del prossimo acquisto. Il suo punto di forza è molto interessante

Ramires potrebbe presto aggregarsi ai nerazzurri

Ramires potrebbe essere il prossimo rinforzo nerazzurro. Pur essendo un centrocampista una sua dote spicca su tutte

Ramires con grande probabilità sarà un rinforzo per l’Inter, a partire dal prossimo gennaio. Il suo percorso alla Pinetina, potrebbe però avere inizio già nel mese di Novembre per cominciare adeguatamente la preparazione atletica.

Nato il 24 Marzo del 1987, Ramires inizia la sua carriera nella terra natia: in Brasile. Dal Joinville passa al Cruzerio che lo ha successivamente lanciato al Benfica, fino ad arrivare al Chelsea.

In Portogallo riesce a vincere una coppa di lega (2009/2010) e un campionato nello stesso anno.

Negli UK, giunge nel momento di maggiore maturità e partecipa attivamente alla vittoria di una Champions League (2011/12), un’Europa League (2012/13), una coppa d’Inghilterra (2012), la Premier e la coppa di lega nel 2015.

Con il Brasile invece, ha disputato diverse partite, portando a casa nel 2009 una Confederations cup.

Si tratta quindi di un giocatore che, pur essendo ormai in un campionato considerato poco allenante, ha un invidiabile palmares a livello europeo.

La partenza verso l’est e nel particolare al Jiangsu Suning, è stata dovuta al fatto che l’anno successivo alla vittoria con Mourinho (2015), il rapporto del giocatore con Hiddink si è fatto sempre più difficile.

Ramires stesso, ha dichiarato di non sentirsi più apprezzato e di  preferire lasciare per tentare una nuova esperienza.

Oggi, con Capello ha ritrovato la centralità che ha sempre cercato e che lo sta portando verso Spalletti e la serie A.

Le qualità di Ramires e le necessità tattiche di Spalletti

Ramires, in considerazione della ormai raggiunta salvezza sello Jiangsu, con grandi probabilità vestirà la maglia nerazzurra.

L’Inter, vista la partenza di Kondogbia, non ha più riempito il posto lasciato vuoto e si è trovata con un uomo in meno per la mediana.

Il brasiliano, a scanso di equivoci, è un centrocampista centrale dotato di potenza e di buona visione di gioco. Strutturato fisicamente, ha anche nelle sue corde il gol come spesso ha realizzato nel corso della sua carriera.

Sono diversi infatti, quelli fatti dal limite dell’area o con inserimenti su cross o palla in profondità.

In fase difensiva risulta essere molto utile e disciplinato tatticamente, dando la possibilità al tecnico di schierarlo sia nei due centrocampisti del 4-2-3-1 che come vertice basso nella mediana a 3.

Un buon tuttocampista, con un mix tra esperienza voglia di confrontarsi con il campionato italiano, a cui avrebbe aperto le porte qualche tempo fa con alcune dichiarazioni.

Spalletti ci lavorerà su, in vista del futuro utilizzo cercando di inserirlo negli schemi e nello spogliatoio nerazzurro.

L’arrivo dell’ex Chelsea, praticamente a zero, darà così la possibilità di utilizzare le risorse economiche a disposizione, per l’acquisto di un difensore centrale (sarà necessariamente o comunitario o proveniente dalla stessa Serie A, perché l’ultimo slot da extracomuntario sarà occupato proprio da Ramires).

Per il trequartista invece, bisognerà attendere eventualmente la cessione di Joao Mario, non appieno convincente in questo avvio di stagione.

 

Back to top button