in

Inter, a Verona ritorno al passato: Spalletti ricorre all’antico…

Stasera Verona-Inter, Spalletti torna al passato

Stasera a Verona l’Inter di Spalletti sarà impegnata contro i gialloblu per riprendersi il secondo posto. Spalletti torna al passato.

Squadra che vince non si cambia

Spalletti ha fatto suo l’antico adagio secondo cui “squadra che vince non si cambia”: stasera sarà infatti la quarta volta consecutiva che i nerazzurri scenderanno in campo con lo stesso undici titolare.

La decisione di Spalletti sembra appartenere ad un calcio di altri tempi, quando in campo scendevano sempre gli stessi uomini.

Fare di necessità virtù

Spalletti fa di necessità virtù: sapendo di avere una rosa corta, decide di puntare sempre sugli stessi giocatori in modo da formare un blocco granitico di titolari.

Tra questi “intoccabili” hanno possibilità di inserirsi quei giocatori che hanno la fiducia di Spalletti ma che, per motivi diversi, non hanno finora garantito la continuità che pretende il tecnico di Certaldo.

E’ questo il caso di Brozovic, Cancelo, Dalbert, Joao Mario ed Eder.

Portafortuna

Guardando alla storia nerazzurra, questa ritrovata tradizione rappresenta un portafortuna. Fatte le dovute proporzioni, le squadre che sono rimaste nella storia dell’Inter si possono enunciare a mò di filastrocca.

“Sarti, Burgnich, Facchetti…” oppure “Julio Cesar, Maicon, Lucio…”, vengono recitate a memoria e con orgoglio dai tifosi interisti di ogni età.

La speranza di tutti i tifosi è che anche quella di quest’anno possa essere una di quelle formazioni che restano nella storia del club, magari grazie ad un’inaspettata impresa tricolore.

 

 

 

Extra Inter | Fassone a Sportmediaset: “Adesso bisogna vincere, basta con

Inter, senti Bergomi: “Ecco cosa mi impressiona dell’Inter…”