Inter

Inter-Bergomi, che paragone per l’ex nerazzurro e che parole

Inter di Spalletti sempre più Special

L’Inter di Spalletti ha un’identità simile a quella di Jose Mourinho quando vinse lo storico triplete, in grado di difendere ed essere cinica. Giuseppe Bergomi, ex nerazzurro, intervenuto ai microfoni di Sky parla del buon inizio di stagione deltecnico di Certaldo. Ecco le parole:

“Paragonare l’Inter di oggi a quella di Mourinho è difficile ma possono sicuramente esserci delle similitudini: la forza fisica, la tenuta mentale e un allenatore forte caratterialmente. Questo avvicina l’Inter di adesso a quella di Mourinho. Spalletti come Mou ha grande capacità di comunicare, è migliorato molto rispetto ai tempi di Roma: ha capito come funziona la piazza di Milano, è bravo a dare meriti e ad esaltare le qualità dei giocatori”.

ICARDI-MILITO – “Il primo è unico dentro l’area di rigore, il secondo era più completo per quanto riguarda il giocare per la squadra, il difendere la palla.”

VALERO-SNEJDER – “Borja Valero, con qualità e attitudini diverse, sta facendo lo Sneijder: l’olandese aveva più tiro in porta e carte offensive, ma all’Inter mancava un giocatori come Borja Valero, uno che desse i tempi di gioco”.

VECINO-STANKOVIC – “Vecino in mezzo al campo non ricorda né Zanetti né Cambiasso, che erano i titolari, ma al massimo Stankovic”.

SKRINIAR-SAMUEL – “Skriniar invece ha fatto salire il livello difensivo: ricorda Samuel, anche lui non sbagliava mai la partita. Mentre Miranda è sicuramente Lucio”.

CANDREVA-PANDEV – “Candreva oggi sarebbe titolare in quella Inter, al posto di Pandev. Oggi l’Inter di Mourinho è più forte, ma quella di Spalletti ha margine di crescita importante”.

 

Back to top button