Ibrahimovic impressiona tutti: “Prima del sì all’Inter, Raiola mi…

Le parole di Zlatan Ibrahimovic

In esclusiva per i microfoni di Sky Sport, Zlatan Ibrahimovic è tornato a parlare di Inter in maniera mai banale, come suo solito.

Lo svedese non è la prima volta che regala qualche chicca ai giornalisti, e nemmeno oggi si è fermato. L’ex bomber nerazzurro ha svelato dei retroscena prima del suo approdo a Milano, parlando anche del suo imponente agente Mino Raiola, capace di creare ogni anno capolavori di mercato con le sue strategie (vedi il caso Donnarumma la scorsa estate).

Ecco cosa ha svelato Zlatan

Mi volevano Inter e Milan, almeno se ne parlava. Poi Mino (Raiola ndr) mi ha chiesto: ‘vuoi diventare il più forte giocatore del mondo o il più ricco?‘. Io gli ho risposto: ‘Più forte’. E lui: ‘Bravo, quando sei più forte diventi anche il più ricco’. Quindi la mia scelta non è stata economica, ma per fare la differenza e restare nella storia. La scelta tra Milan e Inter era questa: i rossoneri avevano già vinto la Champions, mentre i nerazzurri non vincevano lo scudetto da 17 anni. Io ho pensato: all’Inter sono passati Ronaldo il Fenomeno, Baggio, Vieri, Pirlo e Seedorf e nessuno di questi ha vinto in nerazzurro. E io dicevo a me stesso: ‘Se vado all’Inter e vinco, ho fatto una cosa che gli altri non potevano fare’. Poi se vinci dopo 17 anni, rimani nella storia, non sei uno dei tanti. E’ per quello che ho scelto l’Inter. Lì c’erano Mancini, Branca, che fece di tutto per portarmi a Milano. Ho fatto questo passo, però non è stato la scelta più accettabile per gli juventini. Con me, all’Inter, è venuto Vieira (anche lui dalla Juve ndr), poi c’erano Crespo, Zanetti, Adriano, Maicon: la squadra era completa, dovevamo solo giocare e vincere per portare a casa i trofei che la squadra meritava. E ho vinto dopo 17 anni il primo scudetto”.

(Fonti: Sky Sport, FC Inter News).

Chiudi il menu