Wanda Nara, le parole sul futuro di Icardi, sulla clausola e su Mino Raiola

Wanda Nara: “La clausola non è un problema”

Intervistata in esclusiva sulle colonne del Corriere dello Sport, la moglie e agente di Mauro Icardi Wanda Nara, ha voluto parlare di alcune tematiche delicate relative al futuro del marito/assistito.

“Non ho incontrato Piero (Ausilio, ndr), ma ci sentiamo spesso al telefono. Lui sa quello che penso e io so cosa pensano lui e la società. In quest’ultimo periodo si sono avvicinate un paio di squadre importanti che hanno mostrato di apprezzare Mauro. E io che mi occupo del suo futuro devo almeno ascoltarle, valutare le condizioni e la situazione. In passato Mauro ha avuto delle occasioni e ha sempre voluto continuare con l’Inter. Altri al suo posto avrebbero riflettuto molto bene sulla possibilità di andarsene e magari a certe opportunità non avrebbero rinunciato, mentre lui lo ha fatto e non ha mai avuto dubbi sulla maglia che voleva indossare. Come dico sempre, però, non si sa mai cosa può riservarti il futuro. Io continuo a lavorare e il mio compito è quello di trovare le migliori condizioni per Mauro, esattamente come Ausilio lavora per il bene dell’Inter. Alla fine decideranno la società e Mauro cosa sarà meglio”.

Queste le parole della soubrette argentina che ha continuato poi parlando delle presunte voci che vedrebbero Mino Raiola come nuovo possibile agente del bomber argentino:

“Sono oltre tre anni che mi sto occupando dei contratti di Mauro e abbiamo già firmato due rinnovi con l’Inter. Lui è contento di come lavoro e non ha mai pensato di cambiare procuratore. Non so perché ci sono certe voci. Tutto passa da me. E’ così da oltre tre anni e sarà così anche in futuro. Ci sono state squadre in passato che lo volevano e hanno cercato me. Il mio contatto lo hanno e sanno con chi devono parlare. Icardi pensa a far bene in campo, io al resto”.

Infine, l’ex moglie di Maxi Lopez ha parlato pure della situazione relativa alla clausola rescissoria:

“La clausola non credo sia un problema, ma una cosa positiva perché con quella tutto è più chiaro e ognuno sa com’è la situazione. Ne discuteremo e vedremo… Mi fa però piacere che la “moda” della clausola rescissoria in Italia si sia diffusa dopo che noi l’abbiamo messa per Mauro”.

Chiudi il menu