Inter

Inter, Addio a Piazza D’Armi, salta l’affare da 100 milioni di euro

Niente Piazza D’Armi per Suning, affare saltato

Manca solo l’ufficialità da parte della società, ma ormai è certo: l’Inter non ha presentato alcuna offerta per aggiudicarsi Piazza d’Armi. Lo rivela la Gazzetta dello Sport. In questa zona, Suning aveva pensato di realizzare il nuovo centro sportivo nerazzurro.

Si è concluso ieri l’avviso pubblico di vendita per l’area di piazza d’Armi su cui l’Inter aveva preparato un progetto preliminare per il nuovo centro sportivo che avrebbe sostituito quello di Appiano Gentile.

Ma ad Invimit, proprietario del terreno, non è stata presentata l’offerta di 20 milioni su cui c’era già un accordo di massima.

A scoraggiare i nerazzurri sono stati i costi – per realizzarlo erano necessari 100 milioni – e soprattutto la burocrazia. Costruire su quei terreni avrebbe necessitato di una variante urbanistica.

L’Inter, nel frattempo, punta a valorizzare l’hospitality dello stadio Meazza, internazionalizzata dopo la scadenza del contratto con Infront: presentato il nuovo progetto IN. «Una svolta per crescere », hanno detto Faulkner e Gandler.

Suning aveva intenzione di costruire un nuovo centro sportivo per l’Inter che avrebbe sostituito quello di Appiano Gentile.

Come riporta La Gazzetta dello Sport, il luogo sarebbe stato quello di Piazza d’Armi, ma adesso non è più possibile.

Si è concluso ieri, infatti, l’avviso pubblico di vendita dell’area per cui l’Inter aveva preparato un progetto preliminare. Ad Invimit, proprietario del terreno, non è stata presentata l’offerta di 20 milioni su cui c’era già un accordo di massima.

La società nerazzurra si è sentita scoraggiata dai costi di realizzazione, circa 100 milioni, e dalla burocrazia perché per costruire su quei terreni avrebbe necessitato di una variante urbanistica.

Click one of the streamers to view their stream!

    Back to top button