Inter

Moratti, parole al miele per la nuova dirigenza: “Suning società seria. La Juve…”

Presidente storico dell’Inter

Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter, è stato intervistato da L’Economia, inserto settimanale de Il Corriere della Sera. Le sue sono parole al miele riguardo la nuova dirigenza dell’Inter, gestita dal gruppo cinese Suning.

Moratti è sicuramente qualcuno che di gestione manageriale ne capisce, visti gli ottimi risultati ottenuti con la sua Inter. Un uomo considerato dai tifosi nerazzurri come un memorabile pezzo di storia dell’Inter. Una presidenza durata per ben 18 anni, dal 1995 al 2013 durante la quale tantissimi sono stati i trofei vinti. Sicuramente, il più caro sia ai tifosi che a Moratti stesso, è stato l’anno del 2010.

L’Inter di Jose Mourinho conquista tutto, vincendo il famoso triplete. Scudetto, Coppa Italia e Champions League in un solo anno, un’emozione che soltanto pochissimi sono riusciti a vivere. In Italia, solo l’Inter.

L’acquisto poi più storico di Massimo Moratti è stato sicuramente Ronaldo. Il brasiliano, anzi il fenomeno brasiliano, arrivò dal Barcellona nel giugno del 1997. E’ tutt’ora considerato uno dei giocatori più forti e straordinari ad aver vestito la maglia della Seleção. Con l’Inter vinse una Coppa Uefa nell’anno stesso del suo arrivo, dopo aver ricevuto il Pallone d’Oro.

Queste le parole dell’ex presidente Massimo Moratti:

“Mio padre aveva per il calcio la stessa passione che aveva per gli affari: l’Inter per me resta la famiglia e un pezzo di cuore. Il lavoro dà preoccupazioni maggiori, ma non è che l’Inter non me ne desse. La proprietà attuale è seria e forte economicamente parlando. Occorre avere la giusta pazienza e partecipazione, per poi riprendere a far risultati al momento giusto.”

Juventus? In Italia è la più forte e completa, anche grazie alla continuità societaria. In questo momento, vista la situazione della Nazionale, rappresenta il calcio italiano e ha il rispetto e la simpatia di chi nel calcio italiano ci lavora, come gli arbitri.”

 

Back to top button