Rafinha, il Barça dice no al prestito. Adesso la situazione si complica

Le ultime su Rafinha

Secondo quanto riportato sulle colonne di Tuttosport, l’Inter si sarebbe imbattuta in un grosso muro alzato dal Barcellona per quanto concerne Rafinha Alcantara.

Il brasiliano, come da accordo, dovrebbe essere riscatto per 38 milioni. L’Inter però aveva avuto in mente un’altra strategia, bocciata immediatamente però dai blaugrana.

“Il Barcellona ha infatti detto no all’ipotesi di un prestito, mandando in frantumi la strategia messa in piedi dall’Inter con il supporto di Mazinho, padre e procuratore del brasiliano. È stato proprio quest’ultimo a farsi portavoce dell’istanza nerazzurra, però ha trovato un muro nella controparte giustificato proprio dall’ottimo finale di stagione di Rafinha. Una crescita che, paradossalmente, può essere un boomerang per l’Inter perché il rendimento del brasiliano, ha confermato le motivazioni che avevano indotto il Barça a non concedere sconti sul prezzo del riscatto. I dirigenti blaugrana, essendo convinti di avere per le mani un giocatore di livello assoluto, non concederanno sconti”.

“Quindi l’Inter, se vorrà Rafinha, dovrà versare 38 milioni (35 più i 3 di bonus previsti per l’ingresso in Champions). In caso contrario il Barcellona ha fatto chiaramente intendere a Mazinho che non ci sarebbero problemi nel trovare una sistemazione adeguata al giocatore, essendoci, a differenza che a gennaio, molti club di alto livello interessati a lui”. 

Questo è quello che scrive il giornale torinese.

Chiudi il menu