Inter

(LIVE) Le parole di Luciano Spalletti in conferenza stampa: “Rafinha e C…”

Luciano Spalletti, le dichiarazioni post-qualificazione

Intervenuto in sala stampa ai microfoni dei giornalisti presenti, il tecnico nerazzurro Luciano Spalletti ha parlato a margine della qualificazione in Champions League.

Questa la conferenza

I due momenti top della sua stagione?
“Sono stati tanti i momenti. Quello più bello è stato contro la Lazio, il più brutto con la Juventus per come è avvenuta la sconfitta. Quello che non vorrei vivere mai è quello che è successo alla famiglia Astori, e gli sono vicino come tutto il calcio italiano.

Adesso si può colmare il GAP dalle prime?
“Sicuramente noi dobbiamo essere ambiziosi e di quelli che voglio migliorare perchè qui vogliamo starci, ci stiamo bene. Probabilmente ci sono delle cose che poi sono avvenute e che si possono fare anche un pò meglio. Vogliamo continuare in questo ridurre la differenza fra noi e quelle che ci stanno davanti nella classifica finale. In questo è già stato fatto tanto perchè se si vogliono prendere i numeri si trova conforto riguardo la crescita della squadra. Questa differenza è diventata notevole, si percepiva anche all’interno della squadra. Bisogna lavorare bene ed essere bravi perchè l’anno scorso all’inizio abbiamo sbagliato qualcosa. Gli obiettivi dell’Inter sono importanti perchè l’Inter ha quella storia lì, ha quell’impatto e quel rumore di cuori lì. Bisogna essere all’altezza di quelle che sono le emozioni che danno questi cuori”.

Che tipo di mercato andrà fatto per essere competitivi e ambiziosi?
“La società ha cominciato a muoversi bene, però poi bisogna far tornare dei conti. Il calcio ormai è cambiato. Prima se davano il calcio di rigore non potevi tornare indietro, adesso dopo un minuto te lo tolgono. Questo settlement agreement è stato firmato dalla società precedente, ma essendo la stessa squadra dobbiamo rispettarlo. Dobbiamo fare un percorso, prima di fine mese dobbiamo far tornare i conti sui bilanci. Poi però si possono reinvestire mettendoci qualcosa di più sopra, poi però diventa difficile fare nomi altisonanti. In questo momento Cancelo e Rafinha non si possono riscattare“.

Capitolo Icardi

E’ imprescindibile per l’Inter che rimanga Icardi?
“E’ difficile parlare sulla permanenza su giocatori di questo livello. La sua volontà è chiara, poi bisogna vedere cosa accade nel mercato. Se vanno via calciatori importanti, diminuisce la possibilità di crescita, a meno che non ne vengano importanti come lui. Per quanto riguarda il mio contratto io ce l’ho, all’Inter sto molto bene.”

“Da parte mia, non sarebbe cambiato nulla a prescindere dalla Champions. Il mercato si costruisce con 26 ore di lavoro al giorno e con i giocatori. Tutte queste cose portano dei benefici importanti. La società mi ha detto che il contratto vogliono rinnovarlo, ma io per adesso il mio contratto ce l’ho. Per gli interisti firmare un contratto equivale al futuro dei prossimi anni dell’Inter, e quando sei qui lo capisci che responsabilità hai. Io ho il contratto fino all’anno prossimo, quindi non c’è fretta di rinnovarlo. Se poi passo un altro periodo senza risultati ‘che fò’?”

Aveva detto che Skriniar aveva detto di voler l’Inter in maniera particolare…
“A lui vedi sempre quella faccia tranquilla. E’ un ragazzo di una integrità fisica e di una educazione straordinaria. Lui ha sempre detto di aver scelto l’Inter, se venisse messo in discussione mi dispiacerebbe al massimo”.

Su Ranocchia
“Me lo avete tritato sin dal primo momento, ma fino a quando ci sarò io, lui resterà qui. E’ un interista vero”.

 

 

Click one of the streamers to view their stream!

    Back to top button