Inter

(CdS) Spalletti sogna una notte alla Zidane, la Champions si avvicina

Spalletti sogna una notte da Zidane

Come riporta il Corriere dello Sport in edicola oggi, Luciano Spalletti sogna per la sua Inter una notte alla zidane, la Champions 2018/19 si sta avvicinando e l’Inter deve essere pronta.

Luciano Spalletti sogna, magari una notte come quella appena vissuta da Zidane. Con i fuochi d’artificio.

E lo ha raccontato al Memorial Niccolò Galli: «La Champions è la Dinseyland del calcio, tutti sogniamo una notte da Zidane, ma arrivare in finale non è da tutti i giorni: ci sono club a livello europeo molto forti. Conta la qualità ma anche la mentalità è fondamentale per una competizione così e già per arrivare tra le prime 4 servono giocatori forti a tutti i livelli. Per essere tra le prime quattro servono giocatori forti. Prendete Bale: quello che ha fatto con la rete in rovesciata è stato un gol da campioni particolari, più difficile di quello di Cristiano Ronaldo».

La convinzione di Spalletti

Spalletti ci crede. «Il nostro calcio è in continua crescita, lo sta a dimostrare il campionato che fino all’ultimo è stato in bilico su tutti i fronti. Poi, siamo riusciti ad avere di nuovo qui, in Serie A, un allenatore come Ancelotti: è il timbro che siamo tornati ad essere competitivi. Sarri? Ha vinto il campionato del manuale del calcio, si è meritato la possibilità di poter scegliere dove andare. Spero che non ci lasci magari per convincerlo a restare gli lascio la mia panchina…».

La Champions il sogno nerazzurro

In testa però il sogno nerazzurro: «Dovremo lavorare per la Champions che ci aspetta, perché molti dei miei giocatori non ci hanno mai partecipato. Dovremo simulare quelle situazioni per farci trovare pronti, altrimenti sei fritto».

Icardi via dall’Inter, un brutto incubo

«Se temo che l’eventuale partenza di Cristiano Ronaldo, possa spingere il Real verso Icardi? Ci sono club che se decidono di prendere un giocatore, vengono, te lo portano via e tu te ne accorgi quando manca nello spogliatoio. Certo che se Mauro partisse, andrebbe sostituito con un giocatore del suo calibro, ma io non ho percepito sintomi. La clausola? Se uno viene e paga 110 milioni, c’è solo da ricomprare, ma non so se ne se possa ritrovare uno di quel calibro. Con lui dentro si possono fare grandi cose. Un salto di qualità? Lo abbiamo già fatto.»

Mercato e Martinez

«I tre nuovi acquisti? Fanno vedere che i nostri operatori di mercato sono attenti. Sono tre grandi calciatori, pronti. Lautaro Martinez? Ha giocato in campionati che lo hanno svezzato, il fatto che Icardi sia andato a prenderlo in aeroporto è un segnale importante per il ragazzo e per Mauro. Il mio contratto? Non ci sono novità, non ritengo importante adesso firmare per un anno in più. La mia volontà è rimanere, la loro sembra quella di tenermi ».

Click one of the streamers to view their stream!

    Back to top button