(CDS) L’Inter non molla il colpo, ecco altri rinforzi per Mister Spalletti

Dembelé resta la prima scelta, ma l’Inter ha un paio di variabili a centrocampo da tenere in considerazione.

Gente funzionale a un percorso in Europa, visto che bisognerà affrontare la Champions League.

Il nome di Mateo Kovacic richiama il passato nerazzurro e accende pure i riflettori su Mosca dove domenica sarà impegnato nella finale dei Mondiali.

Poi c’è Leandro Paredes, più alla portata e anche vicinissimo alle idee di Spalletti. All’argentino piacerebbe eccome rimettersi in gioco con l’allenatore che lo ha valorizzato alla Roma, mentre Kovacic si è di fatto chiamato fuori dal futuro del Real Madrid.

Due ipotesi che accendono il mercato interista, in un reparto che ad altre società italiane. L’insofferenza di Kovacic si è tradotta – a Mondiale inoltrato – in espressioni del tipo «la cosa migliore per me è cambiare squadra». Il croato è polivalente, a centrocampo ricopre tutti i ruoli: dal regista basso al trequartista, passando per fare la mezzala con differenti mansioni.

Anche in Russia sta facendo la propria parte: Kovacic ha totalizzato quasi duecento minuti, aspettando la finale di domenica con la Francia.

Spalletti e i rinforzi per la sua Inter

Spalletti gradirebbe un rinforzo come Paredes. In un centrocampo dove l’unica necessità si presenterebbe nel caso di una cessione di Vecino – se il Chelsea accelerasse improvvisamente – o dell’uscita di Borja Valero. Ad ogni modo, Paredes con l’allenatore toscano si è trovato benissimo nella Roma, due anni fa, venendo impiegato con la giusta continuità. L’amichevole di sabato 21 a Pisa, contro lo Zenit in cui gioca l’argentino, può essere l’occasione di un contatto tra le due società. Il mediano preferisce giocare in un reparto a tre, pur adattandosi a più moduli. dove – a prescindere – non si rischia di restare in braghe di tela. Bisogna possibilmente completare con un giocatore di livello internazionale. Al tempo stesso, sta calando il sipario sul calciomercato cinese – oggi c’è lo stop – quindi è possibile che le nubi sulla situazione di Dembelè si diradino.

Ausilio e le idee

L’idea Kovacic viaggia nella testa di Piero Ausilio da un bel po’. Il direttore sportivo interista è un grande estimatore del croato, che tre anni fa ha lasciato l’Inter perché 35 milioni (più bonus) facevano comodo. Se n’è andato dall’Italia come giocatore incompiuto, Kovacic, e per lui – che ha tre Champions League nel palmares – il Real Madrid vuole una cifra vicina ai sessanta milioni.

Eder pedina fondamentale

Eder sta perfezionando il passaggio allo Jiangsu, in Cina, dove il mercato chiude tra poche ore. Ieri l’italo- brasiliano ha lavorato in palestra, prima di essere raggiunto ad Appiano Gentile dal suo procuratore Tinti. L’Inter incasserà circa 5,5 milioni dalla cessione di Eder. La questione terzino destro, intanto, è sempre di attualità: in Spagna danno Vrsaljko vicino al ritorno in serie A, tenendo fede alla parola data dall’Atletico al croato. Un po’ come successo tra il Sassuolo e Politano in gennaio. Chiaro che le condizioni dovranno essere buone per i madrileni: se ne riparlerà una volta finito il Mondiale, con Vrsaljko alla caccia di un’altra chance nel nostro campionato dopo due anni. Bisogna trovare un accordo sulla cifra del prestito oneroso.

Chiudi il menu