Inter

Inter, contro il Lugano si è vista una squadra nuova per davvero: i dettagli

Lugano Inter, nerazzurri ok

L’edizione di oggi della Gazzetta dello Sport, riporta la splendida prestazione dell’Inter durante la prima amichevole vinta per 3-0 contro il Lugano.

“Prima azione dei nerazzurri, Nainggolan la sposta per Candreva, palo. Pensi: allora non è cambiato niente, si ricomincia alla stessa maniera. Macché, altra storia. Inter nuova, nuova davvero. Per far capire la musica suonata a Lugano – no, non quella degli altoparlanti, roba in stile Mykonos –, la creatura nerazzurra che s’intravede nel primo tempo tira verso la porta del Lugano otto volte. Ecco: sette di queste conclusioni – fa eccezione giusto il Candreva di cui sopra – sono frutto di combinazioni quando non ancora di iniziative personali dei nuovi acquisti”.

Questo è quello che scrive la rosea che poi continua:

“È già l’Inter di Nainggolan e De Vrij, che Spalletti tiene in campo 75 minuti solo perché 90 alla prima uscita pareva brutto e un po’ rischioso. È l’Inter di Politano, tassello perfetto per il puzzle che ha in testa l’allenatore, fastidioso al punto giusto per gli avversari, insidioso come fa comodo ai suoi compagni (chiedere a Karamoh per l’assist del raddoppio). Ed è pure – verrebbe da dire soprattutto – l’Inter di Lautaro Martinez, che se aveva la preoccupazione di non farsi notare, ecco: stia tranquillo. Gol al debutto, un gol da Toro perché i soprannomi non si danno a caso: controllo e tiro, respinta del portiere, il nostro si rialza e palla dentro, con tanto di muscoli mostrati ai suoi nuovi tifosi”.

Back to top button