Esclusiva: Ottimismo trattativa Keita. Candreva si sbloccherà presto

La trattativa che dovrebbe portare Keita Balde Diao dal Monaco all’Inter è alle battute finali. E la vicenda Candreva non è un intoppo

Pastorello, Calenda e Antonello. Sono loro i protagonisti delle ultime ore di mercato. Il primo è il procuratore di Antonio Candreva ed è impegnato a regalare al suo assistito forse l’ultimo vero contratto della sua carriera. Il secondo è il procuratore di Keita nonché intermediario dell’operazione. La supervisione l’Inter l’ha affidata ad Antonello.

La tavola è apparecchiata e i commensali devono solo decidere come sistemarsi sul tavolo. L’idea iniziale a tinte nerazzurre di scambiare i prestiti di Candreva e Keita aveva trovato d’accordo tutti meno che il laterale dell’Inter. Un’Inter così forte non si vede dal 2009/2010 e la tentazione di Antonio Candreva è di giocarsi le sue carte nell’Inter con uno sguardo alla nazionale.

L’Inter si è fatta trovare preparatissima a questa evenienza: sa benissimo che Candreva avrebbe potuto fare i capricci e, per ora, non forza la mano. Antonello e Calenda hanno già trovato l’accordo per l’ingaggio del giocatore. Adesso la dirigenza nerazzurra dovranno solo firmare l’intesa: il Monaco chiede un prestito molto oneroso con diritto di riscatto per una cifra pari a 30 milioni di euro. L’Inter vorrebbe chiudere a 26 milioni complessivi. Ballano 4 milioni di euro, troppo pochi per non dire che siamo ai dettagli.

E Totò Candreva? L’Inter, come detto, non forzerà la mano, ma con galanteria lo accompagnerà all’uscita con tanti ringraziamenti. Contro il Lione a Lecce non ha giocato e, quasi certamente, la storia si ripeterà a Madrid nella sfida contro l’Atletico. Non sarà inserito nella lista Champions League e quando capirà che ha fatto il suo tempo nell’aurea casa nerazzurra accetterà la proposta monegasca o altre che potrebbero arrivare fino al 31 agosto..

Non resta che attendere dunque. Il rinnovamento nerazzurro passa anche da trattative delicate e importanti.Il progetto di Luciano Spalletti prende forma e Candreva non è inserito. Non è questione di cross ma di carisma e attitudine. L’Inter ha bisogno di questi elementi per spiccare il volo.

Chiudi il menu