Inter

Le parole di Spalletti alla vigilia di Inter-Parma:”Siamo pronti a far bene”

Conferenza stampa per Luciano Spalletti alla vigilia di Inter-Parma

Luciano Spalletti è pronto a rispondere alle domande dei giornalisti arrivati nella sala conferenze del Suning training centre.

Spalletti rassicura subito i giornalisti riguardo le condizione del suo occhio. Solo un ramo che lo ha colpito.

Sulla condizione della squadra

“Il gruppo sta bene e non c’è nulla di nuovo. Ci sono alcune problematiche che ci portiamo dietro dalla settimana scorsa , ma abbiamo tutto sotto controllo. La formazione verrà decisa tenendo conto anche del doppio impegno.”

Capitolo VAR

” Ho già espresso la mia opinione e sono convinto che in futuro tutti gli enti debbano tenere conto della VAR. in Italia i nostri arbitri son sempre stati all’altezza delle decisioni, ma con la VAR gli arbitri più esperti servono in cabina per decidere immediatamente su un episodio.

Valutazioni sui tanti impegni

“La squadra è pronta a tutto. Sapevamo quello a cui saremmo andati incontro e abbiamo lottato tutta la scorsa stagione per arrivare a questo. Dai miei giocatori mi aspetto grande voglia e grande determinazione per un nuovo capitolo della loro vita professionistica. Noi gestiamo i carichi si lavoro per permettere a tutti di essere al top”.

Cosa si aspetta dalla squadra?

“Avendo un gruppo numeroso e di gente matura, mi aspetto che al momento in cui verranno chiamati si faranno trovare pronti senza scuse e senza dover avere un’esperienza pregressa. La cosa da evitare è di farsi limitare dal timore della novità. Tutti devono essere convinti che le nostre qualità sono sufficienti per passare il girone.”

Valutazione sul Parma

“Il Parma ha un passato glorioso ed ha la coscienza di quello che è il nostro campionato. Ha allestito una squadra che per certi versi è inesperta per questa realtà, ma è andata a prendere giocatori come Bruno Alves, che conosco molto bene, che possono colmare il gap ed aiutare tutti gli altri. Bisogna stare attenti anche ad Inglese che è un attaccante completo e a Gervinho che al minimo buco ti punisce. “

La nuova linea guida del gioco

“Noi ci stiamo abituando a giocare con qualità e a tenere il possesso palla per fare il nostro gioco. Stiamo cominciando a sfruttarlo per prenderci dei vantaggi. Se sei bravo a spostare la palla con continuità, gli altri tendono a slegare gli equilibri e tu riesci a trovare gli spazi utili per far male.”

Cosa pensa del mancato invito di Totti per la presentazione del suo libro?

“Gli faró una sorpresa!”

Capitolo Nainggolan

“Nainggolan è un giocatore forte, così come tutti gli altri che vestono questa maglia. Lui ha delle fiammate che ti cambiano il risultato. Puó comunque fare meglio sulla continuità durante la partita. Voi guardate solo il gol, ma noi analizziamo anche tutti i dettagli.

Sugli infortunati

“Lautaro è in via di guarigione, ma bisogna valutarlo di volta in volta. Mi ha chiesto se Martedì sarà a disposizione, ma al momento la vedo dura. Bisogna evitare a tutti i costi una ricaduta quindi valuteremo.

Sulla lista Champions

Io faccio le formazioni scegliendo e non bocciando come credete voi giornalisti. Gagliardini rimane fuori per scelte attente. Gagliardini è un giocatore forte, ma i paletti imposti per la compilazione della lista vanno rispettati e quindi noi siamo costretti a fare valutazioni.”

Joao Mario e le sue chances

“Come tutti potrà trovare spazio. Abbiamo tantissime partite dove lui potrà essere scelto.”

Le scelte riguardo le formazioni sono influenzate dalla Champions?

“I giocatori possono cambiare l’approccio alle partire anche in base ai risultati maturati nelle partite prima. Domani con il Parma bisogna vincere e con convinzione per rafforzare la mentalità dei ragazzi.”

Back to top button