Extra Inter

Clamoroso retroscena, via Marotta per una Juve Mondiale

Marotta lascia la Juve, il progetto è troppo dispendioso e inadeguato

Svelato il retroscena dell’addio di Marotta alla Juventus, quello che Andrea Agnelli temeva tempo fa, inquadrando la crescita della Juventus in un contesto internazionale sempre più competitivo, era di restare inghiottiti nella «terra di mezzo», tra l’élite e la ricca borghesia.

Si riferiva alla capacità economica dei bianconeri, misurabile attraverso il fatturato, alla luce dell’autofinanziamento imposto da Exor e dei paletti del fair play Uefa. Ormai non si parla più di diversificare i ricavi con lo stadio di proprietà ma di agganciare i flussi della globalizzazione cui possono aspirare soltanto pochi marchi calcistici. È una selezione naturale, spietata però cruciale per gli equilibri futuri dentro e fuori dal campo.

L’operazione Cristiano Ronaldo l’inizio della bufera

L’operazione Ronaldo, sebbene nasconda inevitabili fattori dirischio aziendale, va vista in quest’ottica. Frutti che non possono arrivare nell’immediato ma che promettono, se coltivati bene, di far entrare la Juve in una nuova dimensione sul mercato.

Il Bilancio bianconero e le proposte mondiali

Quando Andrea Agnelli ha assunto il comando della società i bianconeri fatturavano 156 milioni (2010-11). Nell’ultima stagione i ricavi si sono stabilizzati sopra quota 400, a 411 milioni al netto delle plusvalenze.

All’assemblea dei soci del 25 ottobre verrà approvato il bilancio al 30 giugno 2018, in perdita di 19 milioni dopo tre utili di fila e con un indebitamento finanziario netto in preoccupante aumento, passato da 162 a 310 milioni.

Considerando gli ingenti oneri iniziali per CR7, non sipuò escludere ilricorso a un’iniezione di capitale. Ma qui il tema è un altro.

La Juventus deve diventare una potenza mondiale

La Juve è in piena fase espansiva, testimoniata dal continuo aumento dei costi sportivi (stipendi e ammortamenti) per elevare sempre di più la qualità dell’organico. Non si può immaginare, proprio ora, una politica di austerity, non con Ronaldo nel motore.

Va, invece, aggredito il tema della crescita, sobbarcandosi l’eventuale azzardo. Ed eccoci ai pensieri di Agnelli. Nei suoi piani l’orizzonte temporale è il 2024. Lui che è pure numero 1 dell’Eca sa bene che l’attuale format della Champions è blindato per sei anni, equivalenti a due cicli commerciali.

Ciò significa che la Juve, a patto di confermare la leadership italiana e l’alta competitività europea, potrà contare su sufficienti munizioni dai premi Uefa. Poi sarà liberi tutti. Il progetto di una Superlega, ancor più elitaria rispetto all’attuale Champions 4X4, potrebbe tornare d’attualità, il terreno internazionale rischia di aprirsi a sviluppi inimmaginabili al momento. La Juve ambisce a far parte di quella ristretta cerchia. Ecco perché il piano societario guarda al 2024.

Il nuovo assetto di governance mondiale

Non è escluso che l’uscita di Marotta e Mazzia sia l’inizio per un nuovo assetto di governance. I due a.d. hanno avuto le deleghe sull’area sportiva e finanziaria, mentre nel campo commerciale tre responsabili di settore (Palomba, Ricci, Vigato) riferiscono direttamente al presidente.

Questa struttura potrebbe mutare? Agnelli ha il mantra dello sviluppo globale e potrebbe ricorrere a un manager forte dall’esperienza internazionale.

Nel 2017­ 18 i ricavi commerciali bianconeri sono schizzati a 115 milioni (94 nel 2016­17) ma gli altri corrono: 295 milioni per il Real Madrid, il cui fatturato è salito a 751 milioni, di cui il 35% dall’estero; addirittura 312 per il Manchester United, che pure ha scontato il deprezzamento della sterlina con fatturato totale a 666.

La Juve deve cavalcare l’effetto Ronaldo e rafforzare la strategia oltre confine se vuole ridurre quel gap.

Fonte La Gazzetta dello Sport

Back to top button