Inter

PSV-Inter, parla Van Bommel. Ecco le sue dichiarazioni

Vigilia di PSV-Inter. Le parole del tecnico Olandese

L’Inter è volata ad Eindhoven e si prepara al secondo match del girone di Champions League contro il PSV. La sfida risulta già decisiva in quanto arrivare a 6 punti darebbe un grande slancio agli uomini di Spalletti.

La squadra olandese arriva da un pesante 4-0 subito dal Barcelona. Risultato fin troppo severo per ciò che si è visto in campo.

Spalletti dovrà preparare bene la sfida perchè il PSV presenta dei giovani di talento pronti a far male, Lozano in primis.

Van Bommel, tecnico del PSV, spera di sfruttare il fattore campo per tornare in corsa nel girone. Ecco le sue parole in conferenza stampa.

In campionato state facendo molto bene, pensi di poter continuare domani?
Stiamo facendo bene, cerchiamo di fare sempre le stesse cose ma dipende dall’avversario. A Barcellona il risultato è stato esagerato perché fino a un certo punto abbiamo fatto bene”.

Il PSV è costretto a far risultato domani?
Ci sono 6 partite nel girone e se pensi di perdere è meglio che stai a casa. Sapevamo che sarebbe stato difficile, devi essere convinto di poter fare risultato. Non è facile in Champions. Ammetto che domani sarà decisiva”.

Conosci bene l’Inter? Cosa ti spaventa di più?
Ogni avversario ha punti forti e deboli, abbiamo analizzato l’Inter. L’importante è non aver paura di loro.Quello che pensiamo e l’analisi che abbiamo fatto non li dirò”.

L’Inter ha molti stranieri ma la consideri un avversario tipicamente italiano?
L’Inter come le altre grandi squadre italiane ti dà sempre la sensazione che stai giocando bene, poi succede qualcosa all’improvviso che cambia la partita. In Italia ci sono piccole differenze tra le squadre, i dettagli decidono. Questa è la differenza rispetto all’Olanda”.

Quando pensi a una squadra italiana pensi sia un po’ chiusa, invece l’Inter crossa molto e ogni tanto subisce gol.
Il catenaccio non c’è più, il calcio è aperto rispetto alla generazione di Gullit e Rijkaard. Questo fa bene al calcio italiano, oggi ne parliamo di più e questo significa molto”.

 

Back to top button