Marotta: “Nainggolan ha sbagliato ma non é sul banco degli imputati”

Nel prepartita di Inter Napoli, ai microfoni di Sky ha parlato il neo amministratore delegato Beppe Marotta. Diverse le tematiche trattate. E’ toccato a lui l’argomento più bollente degli ultimi giorni, quello legato a Radja Nainggolan.

Queste le sue dichiarazioni:

L’Inter può arrivare seconda?
“Direi di sì, le motivazioni ci sono e proveremo ad arrivare fino in fondo”.

Sui presunti messaggi vocali di Radja Nainggolan:
“La nostra posizione è quella del comunicato stampa di qualche giorno fa, che racchiude le nostre decisioni. Nostre intese come società che raccoglie le indicazioni dell’allenatore, che è il leader del gruppo.

Dopodiché, le dinamiche interne sono gestite da noi ed è giusto non parlarne in questa sede. Radja è allo stadio, questo dimostra l’attaccamento alla squadra, alla società e ai tifosi”.

Ma Nainggolan andrà sul mercato a gennaio?
“Assolutamente no, una decisione del genere non può invalidare una scelta fatta a luglio. La decisione è stata presa perché ci sono diritti e doveri all’interno di un gruppo, ma quando l’allenatore sarà reinserito sarà tutto dimenticato e sarà anche compito nostro farlo rendere nel modo migliore.

Una squadra è composta da uomini che sanno cogliere gli aspetti negativi. Sono cose che sono sempre esistite: lui ha sbagliato, ma non é sul banco degli imputati. La società è stata vigile, ora questo capitolo va considerato chiuso”.

Che prestazione si aspetta dall’Inter?
“Assolutamente positiva. Questo è nello spirito della società, sono fiducioso sul fatto che faremo una bella partita”.

Chiudi il menu