Perisic shock verso i compagni di squadra al rientro dalle vacanze

In casa Inter tiene banco il caso relativo al croato Ivan Perisic. Il giocatore ha palesemente chiesto la cessione a gennaio, senza aspettare la fine della stagione. Comportamento che ha costretto Luciano Spalletti a lasciare uno dei suoi pupilli in panchina per 90 minuti nella sfida contro il Torino.

Il comportamento di Perisic è inaccettabile

Dopo l’ultima sfida si pensava che la cessione fosse l’unica strada percorribile, ma l’Inter non ha voluto scendere a patti con nessuno a meno che non si presentasse un’offerta di 40 milioni per un trasferimento a titolo definitivo.

L’Arsenal ci ha provato sul serio, proponendo però un prestito con diritto di riscatto. Marotta ha calato il due di picche e ieri sera Ausilio ha chiuso la questione annunciando che non ci saranno altre operazioni in questa finestra di mercato.

Ivan Perisic esce incredibilmente sconfitto dalla sua personale battaglia. Dopo la sosta invernale il giocatore ha iniziato ad allenarsi controvoglia ed il nervosismo verso Spalletti ed anche alcuni compagni è aumentato. In particolare nei confronti di Mauro Icardi, reo di aver ottenuto promesse di rinnovo dalla società.

Perisic ha anche licenziato il proprio procuratore e si è affidato alla propria famiglia. La strategia pattuita con l’Arsenal è stata chiara: rottura prolungata con l’Inter per una cessione favorevole. Peccato che l’Inter non avesse nessuna intenzione di accontentare le pretese del croato ed ora si trova in rosa con tutti i tifosi contro e, con il rientro di Keita, probabilmente relegato in panchina fino al termine della stagione.

Chiudi il menu