Inter

Inter, eliminata e crocifissa, le altre invece? Solita disparità di trattamento

I nerazzurri, pur non brillando, cedono alla Lazio solo ad i calci di rigore, le altre favorite per la vittoria finale, cadono bruscamente

L’Inter è fuori dalla Coppa Italia. Eliminata ad i calci di rigore da una buona Lazio. La squadra nerazzurra si unisce dunque all’elenco delle vittime di lusso di questo torneo. I quarti di finale, infatti, hanno visto perdere ed anche in malo modo, Napoli, Roma e Juventus.

Parole pesanti solo per l’Inter, per le altre carezze e pacche sulle spalle

Eliminate, dunque le quattro favorite alla vittoria finale. Ma nonostante il campo abbia mostrato prestazioni simili per tutte le squadre sconfitte, la reazione dei media non è stata la stessa per tutti. Niente titoli a caratteri cubitali per il Napoli di Carlo Ancelotti. La squadra partenopea, fuori dalla Champions League, ed a metà campionato, praticamente fuori anche dalla lotta scudetto, vede sfumare il più concreto degli obbiettivi. Grandi meriti al Milan ed a Piatek, ma del pessimo Napoli visto a S. Siro, non parla nessuno.

La Roma di Eusebio Di Francesco, si è fatta rifilare addirittura sette reti dalla Fiorentina. Per il tecnico ex Sassuolo subire queste goleade sta diventando una pessima etichetta. La Roma sta disputando una stagione al disotto delle aspettative ed anche lei perde la possibilità di alzare un trofeo che manca da tanto, ma anche qui niente critiche feroci.

La Juventus, detentrice del trofeo da quattro anni consecutivi, perde con un sonoro 3-0 contro l’Atalanta di Gianpiero Gasperini. Mentre il tecnico juventino, si permette di dire che questa eliminazione è un bene per il club, nessuno osa obbiettare. Le domande scomode e scottanti sono of limits. Le squadre vincenti, hanno sempre un’occhio di riguardo, dicono. Non si ricordano, però parole al miele per l’Inter di Mourinho e del triplete.

E L’Inter? La squadra nerazzurra non attraversa un periodo felice è vero, ma dopo la sconfitta di ieri e non solo, si sprecano i titoli. Spalletti sulla graticola, Conte già pronto a subentrare, spogliatoio spaccato, polveriera Inter. Nessuno fa notare che questa malconcia squadra è comunque terza in campionato, in linea con gli obbiettivi,che ha mancato di un soffio la qualificazione agli ottavi di Champions League, partendo dalla quarta fascia, ma è ancora in corsa in una competizione europea. Un quotidiano sportivo di primissimo ordine ha anche messo in dubbio che l’Inter sia una grande squadra. Dimentica forse che la squadra nerazzurra è stata l’ultima italiana a sollevare un trofeo internazionale e per blasone e bacino d’utenza, la sua grandezza non può essere messa in discussione in nessun modo.

Back to top button