Inter

Antonello: “Vogliamo che il tifoso resti a San Siro. Usciremo dalla crisi”

Durante il suo intervento nell’evento organizzato da ‘Fratelli Beretta’ questa mattina a Milano, il CEO dell’Inter, Alessandro Antonello, ha parlato del momento dell’Inter, dei derby con il Milan e della gestione di San Siro.

Queste le sue parole: “L’Inter è molto dispiaciuta per non poter giocare altri due derby quest’anno in Coppa Italia. Questo non è un momento particolarmente felice ma possiamo uscire da questa situazione. La squadra sente pressione ma dobbiamo tornare a fare vedere i valori mostrati a inizio stagione. Ci avviciniamo al derby con la massima concentrazione, vigliamo migliorare ancora”.

Antonello: “Vogliamo attirare il tifoso e vogliamo che resti allo stadio”

Il CEO dei nerazzurri ha poi proseguito: “Gestire lo stadio Meazza significa quasi gestire una finale di Champions ogni settimana. Ci sono limiti architettonici. Stiamo pensando ad un progetto comune che dovrà garantire un impianto all’altezza degli altri delle altre città europee. Vogliamo un progetto di qualità e sono coinvolti advisor di massimo livello.

Abbiamo dato delle idee e dobbiamo sviluppare ancora il progetto. Oggi San Siro ha circa 78mila posti a sedere e per il futuro immaginiamo una capienza ridotta perché la capienza media dei due club è di 60mila persone e lo stadio si rimpie solo 5-6 volte l’anno. Conta il servizio che si offre ai tifosi. Si avrà uno stadio più piccolo ma eccellente. Quando entreremo in una fase avanzata dello stadio, penseremo alle diverse fasce di età che vogliono godersi uno spettacolo. La sfida dei club é quella di attirare il tifoso a recarsi allo stadio per restarci, per trascorrerci la giornata”.

Back to top button