Inter, la Champions ti fa ricca : ricavi in forte aumento

Logo Inter

Dalla Champions League una valanga di soldi per l’Inter. A fare il punto la Gazzetta dello Sport che nell’edizione odierna analizza i potenziali introiti dei club italiani qualificatisi alla prossima Champions League. Un totale di 230 milioni di euro, da dividere tra il club meneghino, la Juventus, l’Atalanta, il Milano e il Bologna.

Inter, 53 milioni garantiti dalla prossima Champions League

“Inter 54, Juve 53, Atalanta 50, Milan 44 e Bologna 28. Il “circa” – si legge sulla rosea – è necessario, qualche aggiustamento in corso c’è sempre. Inoltre, la cifra relativa al Bologna non può essere precisa, i rossoblù hanno davanti sette squadre in arrivo dai preliminari: se passano quelle con ranking più basso, posizione (e soldi) migliorano. Cifre notevoli, che possono raddoppiare nel torneo con i risultati. Ipoteticamente, vincendo tutte le partite, e anche la coppa, Juve e Inter arriverebbero a 150 milioni. In teoria, s’intende”.

All’Inter solo 64 milioni di euro nella stagione in corso

Un notevole incremento rispetto al passato se si considera che, nell’anno in corso, l’Inter ha guadagnato dalla massima competizione europea “solo” 64 milioni di euro, pur superando la prima fase a gironi e arrivando fino agli ottavi di finale, dove la corsa si è fermata ai rigori contro l’Atletico Madrid del grande ex Simeone. Semplicemente ripetendo il risultato, gli introiti da Champions potrebbero superare -e di gran lunga- gli 80 milioni di euro.

Non solo Champions, altri soldi in arrivo per l’Inter dal Mondiale per club

A questa cifra andranno necessariamente a sommarsi gli importi garantiti dalla partecipazione della squadra nerazzurra al Mondiale per club del 2025. Una somma ancora impossibile da determinare con esattezza, considerate le molte variabili correlate al posizionamento nel torneo, ma che dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 milioni di euro garantiti. Una boccata di aria fresca per i bilanci nerazzurri, che fa pensare – e sperare- che non sarà necessario sacrificare altri pezzi pregiati nella prossima sessione di mercato.