Calciomercato, riscatto Keita: ecco una possibile strategia

Calciomercato, riscatto Keita: ecco una possibile strategia

Baldè Keita è finalmente riuscito a sbloccarsi mettendo a segno una bella doppietta contro il Frosinone. Segnale importante che vuole lanciare il senegalese, visto che fino ad ora non aveva reso al massimo delle sue possibilità.

Era dal Maggio 2017 che non segnava in serie A, prima della parentesi al Monaco. In quella stagione 2016/2017 Keita fu un vero crack per i biancocelesti, siglando 16 reti in 31 partite. Con queste statistiche aveva convinto la squadra del Principato a spendere circa 30 milioni di euro per acquistare il cartellino.

Una strategia per riscattare Keita

Ora è l’Inter ad aver creduto nel senegalese, dopo che al Monaco aveva deluso. I nerazzurri, non potendo investire nel mercato causa limitazioni UEFA, hanno preso il giocatore in prestito oneroso con il diritto di riscatto fissato a 34 milioni.

Sarà prevalentemente compito di Keita ottenere la fiducia necessaria per investire così tanti soldi. Al momento le sue prestazioni non sono ancora abbastanza per poter parlare di riscatto, ma la stagione è lunga e il senegalese sembra apprezzare Milano e i tifosi nerazzurri.

Ci potrebbe essere un modo per riscattare il giocatore senza versare tutti quei soldi cash al Monaco, ovvero inserire una contropartita tecnica. Il profilo ideale risponde al nome di Antonio Candreva.

L’ala non sta trovando grande spazio in questa stagione e già in Agosto è stato vicino al Monaco proprio nella trattativa che ha portato Keita all’Inter. Alla fine le trattative si sono slegate ed entrambi si son trovati a Milano. Non è detto però che non si possano riaprire i discorsi. La squadra attualmente in mano ad Henry sta faticando in Ligue 1 e a Gennaio agirà sul mercato per tirarsi fuori da brutte situazioni.

Ausilio e Marotta potrebbero convincere Candreva ad accettare la proposta dei Francesi, in modo da poter poi trovare una soluzione più economica per trattenere Keita a Milano. Sono solo possibilità che verranno valutate nel caso il rendimento di Baldè sarà alto per tutto il resto del campionato.