Criscitiello sentenzia: “La società ha tradito Spalletti in estate e…

Criscitiello sentenzia: “La società ha tradito Spalletti in estate e…

Le parole di Michele Criscitiello

Il padrone di casa di Sportitalia e direttore di Tuttomercatoweb Michele Criscitiello, in un suo editoriale proprio per TMW ha voluto sottolineare come la società non sia stata totalmente corretta nei confronti di Luciano Spalletti.

“Se fai due punti con Spal e Crotone, allora, non siamo ancora autorizzati a pronunciare la parola “crisi” ma ci siamo molto vicini. L’Inter è scomparsa. Troppo bella, oltre ogni sogno, nel girone di andata. Troppo brutta a dicembre e gennaio. L’Inter non è quella che lottava per il primo posto e non è questa che fa fatica a segnare e al primo errore viene punita. Spalletti non ha colpe. Anzi. Uno, al suo posto, forse si sarebbe anche dimesso. E’ stato tradito in estate ed è stato tradito, un’altra volta, a gennaio. Era arrivato a Milano con promesse certe. Nomi forti e progetti ambiziosi. Poi si sono tirati indietro. Ha condotto la squadra fino in cima, in attesa di rinforzi. Non sono arrivati e il mancato colpo Pastore è stato più un danno di immagine che tecnico. Il tifoso ora è nervoso. Si sente preso in giro. Anche perché se vai a San Siro in 60.000 hai diritto di parlare. Le tifoserie che vanno, invece, in mille devono solo tacere. Gli interisti avevano sognato. Forse troppo. Questa squadra non è da scudetto ma tra le prime 4 può ancora rientrare. E’ l’obiettivo minimo stagionale. Va raggiunto. Senza se e senza ma. Non ha grandi colpe neanche il duo Sabatini-Ausilio. Loro si attengono alle direttive di Suning. Sicuramente la trattativa Pastore andava gestita meglio e se il 30 gennaio trovi apertura da tutte le parti, il 31 devi chiuderla. Questa è stata la macchia più grande di questo mercato invernale”.

Queste le parole scritte dal giornalista.