Fabrizio Biasin, la stoccata a Joao Mario è forte ma sacrosanta

Fabrizio Biasin, la stoccata a Joao Mario è forte ma sacrosanta

L’editoriale di Fabrizio Biasin

In un lungo editoriale pubblicato per Libero, Fabrizio Biasin ha parlato della sconfitta di ieri col Milan concentrandosi su Joao Mario.

Sempre impeccabile. Sempre preciso. Sempre coerente. E’ l’identikit del giornalista sportivo di fede interista, uno tra i migliori in Italia. Biasin è uno dei pochi tifosi che non drammatizza al primo momento di difficoltà, e molti dovrebbero prendere esempio da lui. Sulla partita di ieri, il giornalista ha voluto soffermarsi sulle prestazioni scadenti di Joao Mario.

Ecco cosa ha scritto

“Un derby che ufficializza la crisi dell’Inter, alla terza sconfitta consecutiva tra campionato e Coppa Italia dopo 17 partite senza sconfitte (16 in campionato, 1 in Coppa). I nerazzurri si perdono nell’equivoco che li insegue dalla scorsa estate, quello del trequartista che «vedrete, arriverà», ma poi «non può arrivare, c’è il fair play finanziario».

Il trequartista non c’è, c’è solo Joao Mario, portoghese da 40 milioni che sbaglia un gol fatto, non trova quasi mai la giocata corretta e obbliga la sua squadra a puntare sui «soliti» Icardi e Perisic.

L’Inter è senza alternative, un po’ anche senza fiato, soprattutto senza buonumore, scomparso nell’arco di 15 giorni drammatici in cui ha perso certezze e quel pizzico di fortuna che, invece, era stata fedele compagna nella prima parte della stagione. Addio Coppa Italia, torna il campionato e si rivede la Lazio, avversaria in gran forma e probabile rivale proprio dei nerazzurri nella corsa al quarto posto (se il mercato porterà rinforzi)“.

Queste le parole del giornalista.

(Libero, FC Inter 1908)

error: A causa degli innumerevoli casi di furto dei nostri contenuti siamo stati costretti a disabilitare questa funzione.