Extra - Inter

Gazzoni Frascara: “Juve e Fiorentina mi devono ancora 70 milioni per Calciopoli”

Pubblicità

L’ex Presidente del Bologna, Gazzoni Frascara, si racconta in una lunga intervista all’Avvenire. Frascara rivela al quotidiano alcuni particolari del noto processo di Calciopoli, in particolare attacca la Juventus e la Fiorentina. L’ex Presidente starebbe aspettando un risarcimento da questi ultimi.

Le sue parole

Lei si ritiene davvero l’ unica vittima di Calciopoli?

Sicuramente sono uno dei pochi che ha denunciato e l’ unico che ha avuto il coraggio di dire che i campionati dal 2004 al 2006 sono stati falsati da un’ organizzazione che è stata condannata dalla giustizia sportiva e anche da quella ordinaria. Ma a me devono ancora risarcire danni pecuniari per circa 70 milioni di euro. È quello che devono alla mia società di famiglia, la Victoria 2000, che ai tempi controllava il Bologna Fc. Anche la Cassazione ha stabilito che quel risarcimento ci spetta in quanto parte lesa.

Ma voi questo risarcimento l’ avete chiesto alla Juventus e alla Fiorentina con tanto di denuncia per “falso in bilancio” da parte delle due società.

Leggi anche  Mourinho senza freni: "La dirigenza sa chi voglio. Spero mi accontenti"

Anche questo lo dice la Cassazione: era loro dovere accantonare quei soldi a bilancio come risarcimento al Bologna Fc, ma non l’ hanno fatto. La Juve, che è responsabile per il 70% di Calciopoli, è stata furba nel riuscire nel processo ordinario ad addossare tutte le colpe a Moggi e a far sì che venisse prosciolta in quanto lo stesso Moggi agiva anche per interesse personale.

Nel processo a carico di Antonio Giraudo, dove non figurano parti civili, è indubbio che invece l’ ex ad bianconero lavorasse esclusivamente per la Juve. La Fiorentina in tutto questo c’ è dentro per un “pezzetto”, diciamo il 30%, perché non le viene imputata l’ associazione a delinquere ed è responsabile per gli ultimi tre mesi di Calciopoli, in cui comunque i viola si sono salvati dalla B, mentre il mio Bologna retrocesse ingiustamente.

I fratelli Della Valle non l’ hanno presa bene e minacciano querele nei suoi confronti.

Leggi anche  CdS | Dopo De Vrij, anche Asamoah vicinissimo a scegliere l'Inter

I Della Valle si erano agganciati al treno di Moggi. Il mancato accantonamento di quei 70 milioni che devono rientrare nelle casse della Victoria 2000 sono un illecito amministrativo che va sanato dalla Juventus e dalla Fiorentina. I miei avvocati lavorano per questo e attendiamo fiduciosi le sentenze della giustizia.

 

Leggi anche  Pioli, la difesa per la simulazione di Chiesa inizia a diventare ridicola

Frascara conclude dicendo che è molto improbabile che si verifichi una calciopoli due: “Le società si sono date delle regole precise e adesso cercano di rispettarle. Esiste ancora un problema di trasparenza, giocatori venduti e comprati in “nero”, oppure il fenomeno diffuso del club “cenerentola” che sale in Serie A solo per andare all’ incasso. Una neopromossa soltanto di diritti tv oggi intasca almeno 20 milioni di euro e retrocedendo subito ha un paracadute di 10 milioni.

Se al club il giochino riesce un paio di volte nell’ arco di due-tre anni, il suo presidente ha fatto bingo. Almeno questo dieci anni fa, quando mi hanno “fatto fuori”, non succedeva”.

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker