Il piano di Ausilio per la finestra invernale: tre giocatori coinvolti

Il piano di Ausilio per la finestra invernale: tre giocatori coinvolti

Ausilio non vuole perdere altro tempo. Contatti sempre più intensi

Ausilio osserva la sua creatura fare risultati. Si aggiorna, approfondisce, acquisisce preziosissime informazioni da Luciano Spalletti. Se l’inter vuole disputare un’ottima stagione deve raggiungere i risultati minimi già fissati. Il tecnico di Certaldo è stato chiaro con i dirigenti. I dirigenti sono stati chiari con la società. La creatura che si è formata in estate è molto bella ma deve essere completata per non restare un’incompiuta.

Il gioco di Spalletti è molto diverso da quello dello scorso anno. Ha fruttato cinque vittorie consecutive di cui due in Champions League che le hanno garantito il primato nel girone della massima competizione europea e una classifica più degna in campionato. Squadra fisica, intensa, capace di fare densità in tutte le zone del campo. Squadra tosta chiamata a vincere i duelli individuali e di gruppo. Palla al regista, al faro Marcelo Brozovic e, poi. le maglie nerazzurre si aprono per creare profondità, manovra pulita e ordinata. Non a caso dieci giocatori sono già andati a segno.

In questo periodo in cui tutto gira abbastanza bene (siamo ancora lontani dall’eccellenza richiesta da Spalletti e tifosi) mancano all’appello due acquisti estivi: Vrsaljko e Keita Balde. Il croato è stato subito bloccato da un serio e fastidioso infortunio. Il suo rientro sarebbe previsto dopo la sosta, magari nel derby contro il Milan. Keita ha offerto partite indecenti quando è stato impiegato da prima punta e, quindi, fuori ruolo, e sprazzi di buon gioco. Troppo poco.

Per questo Ausilio e Spalletti hanno bussato alla porta del Monaco cercando di ottenere uno scambio importante: il ritorno alla base di Keita Balde o il prestito di Candreva in cambio di Youri Tielemans, uscito dai radar del tecnico monegasco Jardim. In un caso o nell’altro l’Inter, per non lasciare scoperta la fascia destra col solo Politano richiamerebbe alla base Karamoh.

L’indiscrezione è forte e sempre più insistente. Certo da oggi fino all’apertura della finestra invernale di mercato molte cose possono cambiare. Nel senso che Keita potrebbe tornare in forma e disputare partite eccezionali, accontentando i dettami del tecnico di Certaldo. Oppure che Vecino o Gagliardini potrebbero dare un apporto maggiore, sia in termini di fisicità che di tecnica. Solo il tempo ci dirà in quale bivio l’Inter sarà obbligata a svoltare.

error: A causa degli innumerevoli casi di furto dei nostri contenuti siamo stati costretti a disabilitare questa funzione.