notizie inter flash

Inter Barcellona: senza Nainggolan sofferenza giustificata, in 10 dal 1′

Pubblicità

Nainggolan scende in campo contro il Barcellona, ma il centrocampo nerazzurro sembra avere in rosa un uomo in meno, la metà campo nerazzurra perde i colpi e il Ninja commette forse troppi errori.

L’Inter nel primo tempo risponde al Barcellona con un solo sussulto: una volata di Perisic che Asamoah, a rimorchio, non riesce a chiudere in porta. Altre ipotesi di pericoli arrivavo sempre da contropiedi in fascia, mai da azioni ragionate e palleggiate in mezzo.

Leggi anche  Inter all'ultimo respiro: 1-1 col Barça. Pari anche a Napoli

Vedi il colpo di testa di Politano al 20’ della ripresa su altra volatona di Perisic. A quel punto l’idea di copiare il Barcellona è già rientrata nel cassetto da tempo. D’altra parte con Vecino e Nainggolan in versione così dimessa, non si può chiedere a Brozovic che si metta a dipingere da solo, circondato dagli squali e schermato dall’ottimo Busquets.

Leggi anche  Inter, terza sconfitta in campionato: ecco i problemi dei nerazzurri

Il Ninja, soprattutto, è in palese convalescenza atletica. Spalletti lo soccorre nel finale di tempo spostandolo trequartista (4-2-3-1) e nella ripresa sostituendolo con Borja Valero che ridisegna l’Inter con il 4-3-3 di partenza. Il copione non cambia: l’Inter ha qualche vampata d’orgoglio, ma il Barcellona non si toglie Handanovic dal mirino. Quando al 15’ ci mette il corpo su Rakitic tutto solo, è definitivamente il migliore della partita.

Leggi anche  Ammenda di 10.000€ per discriminazione territoriale all'Inter
error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker