Inter News

Inter Genoa: importanti assenze per Spalletti in vista del match di domani

Pubblicità

Ci sono giocatori che si fermano precauzionalmente al primo accenno di fastidio e altri che giocherebbero anche con una gamba rotta, la formazione di Spalletti per Inter-Genoa potrebbe mostrare delle importanti rivoluzioni.

Radja Nainggolan, senza dubbio, appartiene al secondo gruppo e la scorsa estate se ne sono resi conto bene anche alla Pinetina. Un mese e mezzo dopo il secondo test contro il Sion: praticamente, come tenere un leone in gabbia. E il leone, o meglio il Ninja, poi s’è ripreso tutto al primo appuntamento ufficiale, sbloccando il match di Bologna nel giorno del rientro.

Leggi anche  Calcio e Finanza, che balzo dell'Inter con Suning. I dettagli sugli incassi

La bella notizia per Spalletti è che da ieri Nainggolan è tornato a calciare il pallone e a svolgere completamente il lavoro con il resto della squadra, undici giorni dopo la distorsione alla caviglia rimediata nel derby. E ora salgono le quotazioni per una sua convocazione per il match di domani contro il Genoa, anche se andare in panchina. Il vero obiettivo, infatti, resta il Barcellona: Radja martedì vuole essere in campo per la super sfida di Champions e in questo senso cresce l’ottimismo per un suo possibile impiego da titolare.

Leggi anche  Doping | De Vrij, ecco perchè l'olandese è stato convocato dal Nado

Una panchina importante quella al Meazza, l’Inter si riposa in vista del Barcellona

Ma il Ninja non sarà il solo pezzo da novanta seduto accanto a Spalletti. Con ogni probabilità toccherà anche a Mauro Icardi fermarsi per un turno. Lo suggerisce la logica del turnover che Spalletti sta effettuando in questa prima parte di stagione: massimo tre o quattro gare da titolare consecutive, poi riposo.

Leggi anche  Evaristo Beccalossi: "CT? Ecco perchè è difficile ingaggiare..."

E Maurito l’ultima volta che è rimasto fuori era a fine settembre contro il Cagliari, alla vigilia della trasferta di Champions in casa del Psv. Come allora, toccherà a Lautaro Martinez guidare l’attacco nerazzurro e tutti ­ giocatore compreso ­ si augurano con lo stesso risultato: gol e sacrificio per un’Inter vincente.

Rinunciare oggi a Icardi appare un azzardo, ma è il segno tangibile di quanto il gruppo sia cresciuto e della fiducia incondizionata che oggi ha Spalletti nella rosa: «Per me sono tutti titolari».

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker