Inter, il futuro è roseo: ecco tutti i giovani monitorati da Suning

Inter, il futuro è roseo: ecco tutti i giovani monitorati da Suning

L’Inter sta gettando le basi per costruire qualcosa di grande. Il diktat imposto da Suning è ormai noto a tutti gli addetti ai lavori: profili giovani, affiancati a gente di grande esperienza internazionale. Ausilio, e da Dicembre Marotta, dovranno cercare di accontentare la proprietà con colpi mirati utili alla causa nerazzurra. L’obiettivo è tornare al più presto competitivi sia in Italia che in Champions League.

Ci sono molti giovani talenti annotati sul taccuino degli scout nerazzurri, ma alcuni problemi potrebbero essere risolti da quei giovani che son stati mandati in prestito o ceduti con possibilità di recompera.

Inter, quanti talenti per il futuro!

Il primo giovane che sta ben figurando al Frosinone è Andrea Pinamonti. Il giovane attaccante classe ’99 ha già segnato due reti con i ciociari ed in più riprese ha espresso il desiderio di voler tornare a Milano per esplodere definitivamente. Come lui in prestito ci sono anche Dimarco ed Emmers, il primo al Parma e il secondo alla Cremonese in Serie B.

Per quanto riguarda il portiere l’Inter può considerare Radu, attualmente al Genoa, ma con diritto di riacquisto da parte dei nerazzurri. Il giovane rumeno ha scalzato Marchetti e sta giocando ormai da titolare fisso alternando prestazioni top a giornate un po’ meno brillanti. La dirigenza continuerà a monitorare con attenzione per decidere se farlo diventare il vice Handanovic per la prossima stagione.

Altri due giovani meritano la considerazione dei dirigenti. Si tratta di Karamoh, in prestito al Bordeaux, e Bastoni al Parma. L’Inter ha fatto investimenti importanti per questi due giocatori e per questo motivo il loro ritorno alla base è altamente probabile. Starà a loro meritarsi la permanenza per la prossima stagione.

Infine una menzione particolare la merita anche Benassi. Il centrocampista è stato ceduto a titolo definitivo alla Fiorentina, ma le sue prestazioni stanno attirando l’attenzione di molte squadre italiane. L’Inter avrebbe un canale preferenziale per la trattativa, pur non avendo nessun diritto di riacquisto da esercitare.