Inter News, Sconcerti duro dopo il pari con l’Atalanta

Inter News, Sconcerti duro dopo il pari con l’Atalanta

Inter News – Dalle colonne del Corriere della Sera, Mario Sconcerti ha analizzato il match di ieri tra Inter e Atalanta, soffermandosi sulla mancanza di riferimenti (oltre la Juventus, che fa campionato a parte) e sulla sottigliezza dei valori qualitativi tra club apparentemente lontanissimi sul piano economico. Una condanna anche ai prezzi dei giovani italiani, sproporzionati rispetto ai valori complessi dei club d’appartenenza. Meglio comprare tutta la Fiorentina che il solo Chiesa, conclude Sconcerti, invitando i lettori  del Corsera ad una riflessione.

Inter News, l’analisi di Sconcerti nell’editoriale di oggi per il Corsera

“Se dobbiamo credere al terzo posto dell’Inter, dovremmo fermarci e ringraziare Spalletti, ha fatto il suo lungo una strada complessa – scrive il giornalista -. Poi si scopre che i punti sono pochi, non valgono un progetto, non danno una visione di futuro. L’anno scorso l’Inter ne aveva 2 in più ed era appena quinta. Cosa vuol dire? Il distacco dalla Juve è ora di 27 punti, significa che non c’è un minimo dialogo tecnico, la lontananza infinita. Eppure l’Inter è terza, miglior risultato da anni e anni, perché sembra tutto da rifare? È giusto? Credo di sì.  Il campionato è saltato, è pieno di anomalie, tutto è uguale e tutto è diverso, non esiste un riferimento certo che non sia la Juve… L’Inter ha ottimi giocatori ma non molto superiori alla media. I migliori non hanno continuità, altri sono bizzosi. Oggi nel nostro campionato la qualità non fa più differenza vera”.

Inter News, l’attacco di Sconcerti ai prezzi gonfiati

“Non conviene comprare Tonali, conviene comprare il Brescia e prendersi Tonali. Chiesa per 80? Meglio comprare forse tutta la Fiorentina, c’è un capitale dentro. Oggi uno conta più del tutto, ma è una finzione, una furberia comune. Come la mancanza di prospettive che ci sono dietro il 3° e 4° posto delle squadre di Milano”.