Inter, scaduta la clausola di Praet: affare più difficile

Inter, scaduta la clausola di Praet: affare più difficile

L’Inter vuole a tutti i costi rinforzare il reparto dei centrocampisti poichè oltre Brozovic e Vecino, gli altri non offrono le garanzie richieste da Spalletti. Troppo lontano dai tempi di Bergamo Gagliardini e sia Joao Mario che Borja Valero sono considerati alternative nel ruolo di trequartista al posto di Nainggolan.

Per questo motivo Ausilio ha sul taccuino diversi nomi per la mediana, da top player quali Modric a possibili prospetti per il futuro come Tonali. La dirigenza nerazzurra sta valutando su chi puntare per poi affondare il colpo decisivo.

Inter, la clausola di Praet è scaduta

Uno dei profili seguiti è Dennis Praet, centrocampista di piedi buoni in forza alla Sampdoria di Giampaolo. Il belga aveva nel contratto una clausola rescissoria di 26 milioni di euro che spaventava fortemente la dirigenza blucerchiata.

Il giocatore, infatti, era seguito da Juve ed Inter in Italia, oltre che da molte squadre di Premier League. Per la gioia del presidente Ferrero è arrivata la tanto attesa firma sul nuovo contratto che legherà Praet alla Samp fino al 2021. Oltre che il prolungamento, il nuovo contratto non prevede alcuna clausola rescissoria, il che significa che chi vuole acquistare il centrocampista, dovrà sedersi al tavolo per trattare. E le condizioni verranno dettate dai blucerchiati.

Difficile quindi vedere Praet in nerazzurro, poichè la società non può permettersi di spendere oltre 50 milioni di euro, questa la valutazione attuale, per un solo giocatore. Il fair play finanziario è concluso, ma la dirigenza deve comunque stare attenta al bilancio.