Inter 1908

Inter, secondo posto e miglior difesa: merito dell’uomo invisibile

Pubblicità

Inter – Dopo le prime dieci giornate di campionato i nerazzurri hanno la miglior difesa del Campionato. Solo 6 le reti subite, una in meno rispetto alla capolista Juventus. La squadra ha subito più di una rete solo in una occasione, nel pareggio interno per 2-2 contro il Torino. La porta è rimasta inviolata in ben cinque partite su dieci.

Il merito è sicuramente del lavoro di Ausilio nel mercato estivo e di Spalletti, ma non solo. Gran parte del merito va sicuramente attribuito ad un uomo che non si vede mai, ma la cui presenza è fondamentale. Tale uomo è Martusciello, è lui infatti, che allena la difesa ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Leggi anche  Inter, ottimismo in vista per un nerazzurro: stasera può esserci

Inter, la conferma più importante e giocatori all’altezza

Proprio Martusciello è stato protagonista dell’estate nerazzurra. Prima della riconferma era stato molto vicino a lasciare Milano per accasarsi a Londra, sponda Chelsea. La richiesta era stata avanzata da Sarri, che ben le qualità del tecnico ex Empoli. Per fortuna dei nerazzurri tutto si è risolto in un nulla di fatto e Spalletti può continuare ad avvalersi del suo prezioso lavoro.

Leggi anche  Con Coutinho al Barcellona, sorride anche l'Inter. Ecco l'incasso...

Anche il lavoro di Ausilio in estate è stato importante. L’arrivo di De Vrij, a zero, ha permesso all’Inter di avere una batteria di centrali come poche squadre in Europa. Skriniar è ormai una certezza e forma una coppia perfetta con l’olandese, pronti a subentrare non ci sono due giocatori qualunque, ma due centrali esperti e di sicuro affidamento, Miranda e Ranocchia.

Leggi anche  Josè Mourinho torna a parlare di Inter: "Da quando sono andato via..."

E’ stato risolto anche l’atavico problema dei terzini. Si è trovato un terzino sinistro valido come Asamoah, arrivato a zero dalla Juventus, e per la fascia destra, dopo il non riscatto di Cancelo, è arrivato Vrsaljko. Il croato è sicuramente meno tecnico e meno propositivo del portoghese, ma dà maggior solidità difensiva e garantisce comunque una buona spinta offensiva.

L’Inter ha eretto il muro grazie all’uomo invisibile.

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker