FeaturedInter 1908

Inter, tre punti per ripartire e per passare una sosta tranquilla

Pubblicità

A Bologna arrivano i primi tre punti “scaccia crisi”

Inter – Ieri per i nerazzurri è arrivata finalmente la prima vittoria in campionato. Vittoria rotonda e roboante solo nel risultato, ma che serve per ripartire in campionato e per allontanare le voci di crisi, che in casa nerazzurra non mancano mai anche al primo passo falso. La squadra nel primo tempo è sembrata ancora impacciata e fuori condizione.

Dopo i primissimi minuti in cui si è vista un’Inter propositiva, i nerazzurri hanno evidenziato i soliti difetti ed il Bologna è andato vicino al vantaggio per due volte. Solo due grandi interventi di Handanovic hanno evitato agli uomini di Spalletti di andare sotto. La ripresa invece è stata di ben altra fattura. L’Inter ha attaccato con più convinzione.

Leggi anche  Fabrizio Biasin, la stoccata a Joao Mario è forte ma sacrosanta

L’inserimento di Nainggolan in squadra si è fatto sentire e proprio il ninja ha sbloccato il risultato con un gol dei suoi. Inserimento nello spazio, controllo e tiro al volo. La partita si è poi messa in discesa anche perchè il Bologna, per recuperare il risultato, ha dovuto scoprirsi lasciando spazio agli attaccanti nerazzurri. I gol di Candreva e Perisic ne sono una diretta conseguenza.

Leggi anche  Inter Crotone, ecco l'elenco completo dei convocati. Esclusione eccellente

La crisi e lo spettro Conte possono aspettare

Vittoria scaccia crisi si diceva. Si, perchè come spesso capita alla squadra nerazzurra, due partite sbagliate aprono una crisi epocale. Soprattutto dopo il mercato estivo condotto dalla dirigenza, che ha portato l’Inter ad essere, almeno sulla carta, la seconda forza del campionato dietro la corazzata Juventus. C’era già chi chiedeva la testa di Spalletti in favore del “disoccupato” Conte.

Come spesso accade, però, le vittorie fanno cambiare idea rapidamente. Chi voleva la testa del mister di Certaldo dopo il successo col Bologna lo ritiene nuovamente l’arma in più dei nerazzurri. In effetti la partita di Bologna presentava molte insidie. La necessità di vincere dopo un solo punto in due partite, a cui si sono aggiunte le defezioni dell’ultimo minuto di Icardi, Vecino e Lautaro Martinez.

Leggi anche  Inter e Spalletti sempre più convinti del calciatore, ecco l'idea per l'estate

Spalletti ha dovuto improvvisare la disposizione offensiva della squadra, che però ha riposto in maniera più che sufficiente. Sosta tranquilla quindi per giocatori ed allenatore. Conte può riposarsi tranquillamente ed aspettare più avanti per tornare ad essere lo spettro di mister Spalletti.

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker