Laudisa sicuro: “Il NO di Verdi e il SI di Rafinha sono collegati…”

Laudisa sicuro: “Il NO di Verdi e il SI di Rafinha sono collegati…”

Le parole di Carlo Laudisa

Sulle pagine de La Gazzetta dello Sport, testata per cui lavora, Carlo Laudisa ha parlato del rifiuto di Simone Verdi al Napoli contrapposto alla volontà di Rafinha Alcantara di vestire il nerazzurro.

“Non è un mistero che il centrocampista catalano abbia bisogno di una verifica probante per capire se può davvero tornare al top del rendimento dopo la lunga sosta dovuta a un infortunio. Rafinha è più o meno coetaneo di Verdi e sinora nella sua carriera è partito dall’alto. Certo, non soffre di vertigini: lui nel calcio ad alta quota c’è nato e cresciuto. Anche per questo in casa nerazzurra sono pronti ad accoglierlo a braccia aperte. Se i test medici e atletici (più che altro) saranno all’altezza delle aspettative e dei riscontri già pervenuti, Spalletti sa già di poter contare su un centrocampista duttile, capace si svariare sul fronte offensivo. Ma soprattutto il tecnico interista ha avuto la prova che il famoso figlio d’arte arriverà con la testa giusta per mettersi al servizio della comune causa per la Champions League. Nel suo blitz in Catalogna il direttore sportivo Piero Ausilio ha toccato con mano l’importanza del coinvolgimento del giocatore. Un’alleanza significativa. E beneaugurante”.

Questa l’opinione del giornalista. Effettivamente, dopo aver appreso la notizia del rifiuto di Verdi, molti giornali si sono detti sicuri che dietro a tale rifiuto vi sarebbe l’Inter. Al momento però, sostenere questa teoria è prematuro.

error: A causa degli innumerevoli casi di furto dei nostri contenuti siamo stati costretti a disabilitare questa funzione.