FeaturedInter News

(LIVE) Le parole di Spalletti, Icardi e Miranda in conferenza pre-Barça

Pubblicità

La conferenza di Spalletti

In vista di Barcellona Inter in programma domani sera, Luciano Spalletti interverrà in conferenza stampa insieme ad Icardi e Miranda.

La conferenza verrà aggiornata in tempo reale. Pertanto, se ci stai leggendo da un computer o da un PC, premi il tasto F5 della tua tastiera. Se ci segui invece da smartphone o tablet, ricarica la pagina manualmente.

Ecco le domande poste ai due calciatori

Icardi: “Mercato? Le offerte arrivano sempre. Inter? Lo ripeto ogni giorno, sapete bene che voglio rimanere all’Inter. Tornare a Barcellona dove ho cominciato la mia carriera è sempre bello. Sono molto concentrato con gli obiettivi prefissati con l’Inter. Sono il capitano di questa squadra e ne sono molto felice. Vecino? E’ un giocatore che in mezzo al campo tiene palla molto bene”.

Mauro, hai mai giocato con le giovanili al Camp Nou?
“No, non ci ho mai giocato. Avevo la possibilità di giocarci con la Samp per il trofeo Gamper, ma ero andato con la Nazionale”.

Miranda, cosa pensi del girone in caso di vittoria domani?
“La partita di domani è importante perchè dobbiamo fare punti”.

Non c’è Messi, ma c’è Suarez…
Miranda: “Giocare con calciatori importanti è sempre bello. Loro hanno molti uomini che possono fare la differenza”.

Mauro, quando hai saputo dell’infortunio hai tirato un sospiro di sollievo o sei stato dispiaciuto?
“Mi è dispiaciuto molto. Messi è il più forte, ma abbiamo la fortuna che non ci sarà e dobbiamo cercare di sfruttare questo fattore”.

La conferenza di Spalletti

“Quando vai ad incontrare squadre come il Barça dove c’è talento in qualsiasi parte del campo è ovvio che si sa che la favorita è lei. Noi però abbiamo molta autostima, stiamo passando un buon momento. Bisogna ripartire però dall’essere molto umili e disponibili a fare una partita di grande fatica e spessore mentale”.

Dopo aver saputo che Messi non giocherà, il suo metodo di gioco per domani è cambiato?
“Per uno che fa il mio mestiere non è facile cambiare quello che è la mentalità della squadra in funzione di un calciatore. Messi è uno di quelli che quando pensi di aver visto tutto nel calcio, ti fa vedere cose che non hai mai visto”.

Crede che Valverde, senza Messi, giocherà col 4-4-2?
“Valverde ha a disposizione calciatori con qualità diverse, quindi prevedere ciò diventa difficile. Colgo l’occasione per ringraziare Rafinha per quello che ci ha dato la passata stagione. Mi farebbe piacere vederlo giocare, ma poi penso che ci creerebbe dei problemi. Io comunque mi aspetto un 4-3-3”.

Il futuro dell’Inter dipenderà molto dall’assenza di Messi nelle due partite?
“Io penso che con Messi sarebbe stato un Barça molto più forte, ma rimane comunque una grandissima squadra. Noi dobbiamo assolutamente essere una squadra di grande livello e di grande spessore, senza essere succubi dell’avversario”.

Con tutto il rispetto per le altre squadre, pensa che questo sia il vero esordio in Champions League?
“Se partiamo già dal presupposto che manchiamo da sette anni senza considerare che molti dei calciatori ci hanno giocato per molto tempo, diventa difficile. Noi comunque non dobbiamo subire la partita. Dobbiamo avere la personalità di poter giocare a viso aperto”.

Prima parlava di Rafinha. Le sarebbe piaciuto poter contare su di lui, nella sua squadra?
“Ne abbiamo già parlato. Noi avevamo dei documenti che scadevano ad un certo punto e fino a quel certo punto non potevamo fare mercato in entrata. Molte delle nostre operazioni sono state legate a delle uscite. Avevamo provato a proporgli qualcuno dei nostri ma non hanno accettato”.

Mandando in conferenza stampa Icardi e Miranda ha voluto mandare degli indizi sulla formazione di domani?
“Sicuramente qualcosa cambierò. Brozovic ha qualche problema ai muscoli, mentre Perisic ha già smaltito del tutto il problema. Miranda? Gioca”.

Miranda diceva che domani vi giocate la qualificazione. E’ d’accordo?
“Dobbiamo avere la convinzione di potercela giocare. Abbiamo bisogno della rabbia dei tifosi che in questi anni non hanno visto la propria squadra in Champions”.

Ha detto che la classifica in questa partita non conta…
“Possono essere i punti fondamentali, noi la tratteremo così, come una partita chiave”.

Ha accennato ai problemi di Brozovic. Dopo il derby, secondo lei Borja Valero può reggere altri 90 minuti?
“In quel settore li non abbiamo molti giocatori a disposizione. Qualcuno dovrà pur giocare. Anche se Skriniar sa giocare in quel ruolo…”.

Leggi anche  Brozovic, prende piede un clamoroso scambio con il Siviglia
error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker