(LIVE) Luciano Spalletti in conferenza stampa parla del futuro di JM e Cancelo

(LIVE) Luciano Spalletti in conferenza stampa parla del futuro di JM e Cancelo

Le parole di Luciano Spalletti

Alla conferenza stampa prima della sfida contro la Lazio, Luciano Spalletti ha parlato della situazione legata ai due portoghesi.

Joao Mario

“Joao Mario è un ragazzo semplice da capire, ha una correttezza esagerata nel modo di frequentare lo spogliatoio e allenarsi. Quando sono andato a parlargli non mi ha detto nulla di strano. Poi qui ci sono molte postazioni intorno a un giocatore, ci sono voci vere, false, però lui è un ragazzo per bene da un punto di vista professionale. Mi spiace che gli siano capitati un paio di palloni per far gol e non li abbia sfruttati. Se ha pensato di andar via, ha buttato via un po’ di attenzione per quelle occasioni, è immancabile che si abbassi lo stimolo nella ricerca del risultato. L’applicazione fa la differenza. Per cui lui ora è dispiaciuto, ma si è allenato bene e a me interessa che professionalmente raggiunga l’obiettivo giornaliero in maniera corretta e lo sta facendo. Se lo vedessi in maniera plateale in atteggiamenti menefreghisti, è chiaro che tireremmo fuori il problema perché sarei il primo a metterlo in evidenza”.

Cancelo

interessa moltissimo al Valencia, ma al momento Spalletti pare gradire il portoghese. Ecco cosa ha detto su di lui: “Cancelo secondo noi ha delle conoscenze superiori sulla fase difensiva. Noi abbiamo degli equilibri sottili e lasciarlo libero coprendogli le spalle dobbiamo farlo. Però queste qualità offensive le ha e le ha mostrate. Avendo più cura nel posizionamento è più facile anche per gli altri capire come lui interpreta il suo gioco. Migliorerà ancora, ha grande qualità nei piedi e più giocare più in avanti. Partendo dal basso è una risorsa importante. Per gennaio possono dire ciò che vogliono. Finché Ausilio non gli dice che andrà altrove, a gennaio lui come gli altri faranno ciò che decidiamo noi. Un giocatore va via se lo si manda via, altrimenti resta qui e tiene il muso per due partite, perché se pensa alla scadenza spreca le occasioni che gli sono messe a disposizione. Se a gennaio lo si ritiene giusto vanno via quelli che diciamo noi, non chi vuole andar via. Allo stesso modo viene chi pare a noi. Siamo noi quelli che gestiamo, non ci sono procuratori o altre società. Facciamo quello che noi riteniamo giusto”.

(FC Inter News)

error: A causa degli innumerevoli casi di furto dei nostri contenuti siamo stati costretti a disabilitare questa funzione.