FeaturedInter News

Mourinho, che risposta agli insulti dei tifosi juventini!

Lo Special One rimarrà sempre nei cuori interisti

Pubblicità

Mourinho, gesto d’amore per il popolo interista. Grazie

Mourinho, con il suo Manchester United ha perso l’incontro con la Juventus per 1-0, ma è uscito vincitore per i  cuori nerazzurri. Insultato nel pre partita, insultato durante la partita e, soprattutto, nei minuti finali. Lo Special One è il re dei comunicatori e, soprattutto, è sempre stato uno che non le manda a dire. Che bisogno c’era, per i tifosi juventini, insultare Josè Mourinho? Cos’hanno i tifosi juventini contro lo Special One?

Il tecnico portoghese, con una semplice mimica, ha spiegato al mondo intero, la ragione per cui gli juventini lo stavano insultando. All’89’, rivolgendosi al settore dove erano assiepati i tifosi bianconeri, Mourinho ha fatto il gesto con le dita mimando il n. 3. Ha ricordato agli juventini che lui è il tecnico di quella squadra leggendaria che nel 2010 vinse tutto quello che il pianeta calcio mise a disposizione.

Leggi anche  Inter attenta, il Milan prova lo scippo: nel mirino il gioiello della Nazionale

Non è bastata la prima mimica ai tifosi bianconeri. Questi, “nella loro lucida cultura sportiva”, hanno deciso di continuare ad insultarlo sempre più intensamente, mentre il pubblico inglese assisteva a un siparietto balordo.Il Vate di Setubal non si è tirato indietro e ancora una volta ha risposto mimando il n. 3. Quel triplete, cioè, che l’Inter nel 2010 ha ottenuto e che è rimasto il grande incubo, la grande incompiuta juventina.

Leggi anche  Icardi, Stramaccioni svela un clamoroso retroscena: "Lo scelsi io, poi...

Questo gesto non è passato inosservato ai tifosi interisti. Con orgoglio il mondo nerazzurro rivendica quella leggendaria stagione che consacrò una squadra come una tra le più forti di sempre. Allenata da un grande tecnico, portoghese, intelligente e, soprattutto, eccellente comunicatore e motivatore. Perchè il triplete è merito di Milito, Eto’o, Snejder, Zanetti, Cambiasso, Lucio, Materazzi, Stankovic, Thiago Motta, Julio Cesar, Toldo, Orlandoni e tanti altri. Ma è soprattutto il merito dei mister dei mister: Josè Mourinho.

Leggi anche  Bologna Inter, un nerazzurro rischia il forfait: nel frattempo si scalda...

Allora agli insulti bianconeri è semplice rispondere con il segno “tre” per indicare il nostro triplete. E anche per ricordare che il terzo portiere di quella squadra leggendaria, Orlandoni, ha vinto più Champions League, del loro portiere più amato. Basta questo per renderci orgogliosi della fede nerazzurra, anche quando l’Inter non gioca.

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker