Calciomercato Inter

Nainggolan, il Ninja conclude l’esperienza alla Roma malamente: i dettagli

Le ultime su Nainggolan

E’ stato per tantissimo tempo il beniamino dei tifosi giallorossi, considerato la colonna portante della squadra. Ultimamente però, il rapporto tra l’ambiente capitolino e Radja Nainggolan si era incrinato.

“Tutto è finito senza squilli di tromba. Senza abbracci e pacche sulle spalle. Il rapporto tormentato, sofferto, alla fine diventato addirittura teso tra la Roma e Nainggolan si è concluso con la delusione dei tifosi raccontata sui social e l’indifferenza di Trigoria. La cessione del centrocampista garantisce alla Roma una plusvalenza di 32 milioni, i conti per il Fair Play Finanziario sono a posto, a questo punto non è più necessario fare altre cessioni, neppure vendere Alisson, se non fosse che il brasiliano vuole andare al Real. La misura era colma da qualche mese e martedì Radja quando è andato a Trigoria per svuotare l’armadietto si è sfogato con il team manager De Sanctis, che è stato suo compagno di squadra, ma non ha salutato gli altri dirigenti”.

Lo scrive il Corriere dello Sport che poi continua:

Leggi anche  Torreira Inter, l'agente conferma: "Si, c'è la clausola, ma lui vuole...

“L’ultimo anno sul piano dei rapporti è stato molto teso. Eppure era luglio quando Nainggolan aveva firmato il rinnovo fino al 2021, con l’ingaggio più alto dopo quello di Dzeko. Sul campo Radja ha dato tutto, sempre, anche quando era alle prese con qualche infortunio muscolare. Fuori dal campo però il belga è diventato incontrollabile per una società che vuole darsi delle regole e un allenatore che ha voluto cambiare le abitudini di Trigoria”.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso

“La situazione è precipitata con il famoso video di Capodanno. Alcool, sigarette e frasi irripetibili, che fecero il giro dei social. Nainggolan fu costretto a pagare una multa di quasi 200.000 euro e fu escluso da Di Francesco per la partita contro l’Atalanta, persa all’Olimpico. Non è stato quello l’unico episodio che ha compromesso la storia tra la Roma e Radja. Il compito di farlo riflettere fu affidato a Totti, che fino a pochi mesi fa era stato compagno di squadra di Radja, con il quale aveva stabilito un buon rapporto”.

Potrebbe interessarti anche...

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker