Walter Sabatini, il direttore difende Suning e spiega come arrivare in UCL

Walter Sabatini, il direttore difende Suning e spiega come arrivare in UCL

Le parole di Walter Sabatini

Intervistato in esclusiva ai microfoni dell’ANSA, il direttore dell’area tecnico dell’Inter e dello Jiangsu Suning Walter Sabatini, ha voluto difendere la proprietà cinese dalle accuse che arrivano sia dai media che dai tifosi nerazzurri.

“Prendersela con Suning è sbagliato o quantomeno ingeneroso. Paletti del fair play finanziario a parte, non ha mai condizionato le nostre scelte: la responsabilità esclusiva dei risultati della squadra è dei professionisti che hanno operato”.

Queste le parole di Sabatini che ha poi spiegato come centrare l’obiettivo Champions League:

“Cosa serve per centrarlo? Dobbiamo capire quali sono le priorità, le cose sensibili sulle quali intervenire, accantonare prosa ridondante e divagazioni va. Mi sembra giunto il tempo della sintesi alla quale nessuno si può sottrarre. Una sintesi brutale da adottare nello spogliatoio, in campo e in sala stampa, ma anche negli uffici di Corso Vittorio Emanuele II. Non credo alla retorica del richiamo all’impegno, alla professionalità o al sacrificio perché queste sono attitudini che qualsiasi calciatore, in qualsiasi categoria, deve avere. Io credo al valore intrinseco e alla caratura dei calciatori e a questo dovranno far riferimento i nostri, all’orgoglio e alla consapevolezza della loro qualità che si deve affermare puntualmente in campo contro qualsiasi avversario. Solo così si potranno legittimare come calciatori meritevoli dell’Inter”.