Inter News

Zanetti, Mourinho e l’inedito retroscena sull’addio dello Special

Pubblicità

Nella puntata de “Il falco e il gabbiano”  trasmissione radiofonica in onda su Radio24, Enrico Ruggeri ha raccolto la testimonianza di Javier Zanetti, vice-presidente dell’Inter sul condottiero nerazzurro Josè Mourinho.

Zanetti racconta lo Special One

“Cosa aveva di Speciale Mourinho? E’ uno che cura tutto i dettagli, preparava le partite con grande senso di responsabilità e noi sapevamo tutto dell’avversario e cosa dovevamo fare. Poi quello che riusciva a trasmettere a tutti, per questo i risultati sono quelli che tutti conoscono. Aspetto psicologico? Si, lui con ognuno di noi parlava in maniera diretta, trovando il linguaggio giusto per ognuno e riusciva a farci dare il massimo, anche quando eravamo in difficoltà, si reagiva insieme”

Leggi anche  TMW Inter: "Icardi? Vi dico io che persona è il capitano nerazzurro...

Il capitano e la vittoria del Triplete

“Bisognava sacrificarsi tanto, avere spirito di squadra, di team, sapere che non conta il singolo ma la squadra. Per noi, mano a mano che passavano le partite, sapevamo che potevamo farcela. Per noi era un sogno che è diventato realtà. Un percorso fantastico dove ogni partita giocavamo una finale. Grande tensione ma la squadra era pronta”

Leggi anche  Lautaro Martinez chiaro: "Nell'Inter gioco poco per questo motivo"

Il retroscena sull’addio di Mourinho

“Sarebbe andato via comunque, anche se non avessimo vinto la coppa. Il Real era una sfida importante e sapeva bene che sarebbe stato difficile ripetere quello che ha fatto con noi. Mi fece capire qualcosa le ultime due settimane, prima della Champions, ma ci tengo a precisare che lui voleva prima finire al meglio quello che aveva iniziato, poi pensava al Real”

Leggi anche  Primavera, il derby é nerazzurro: Merola stende il Milan

A Kiev la partita della svolta

“In Ucraina contro la Dinamo Kiev, li abbiamo capito che potevamo vincere la Champions, nell’intervallo ci fece un discorso dove comunicò che avrebbe rischiato mettendo due punte. Poi la gara contro il Barcellona al Camp Nou, in inferiorità numerica, lui era tranquillissimo, e ricordo ancora la scenetta con Guardiola, dove gli disse che avremmo passato noi il turno. Li capimmo questa cosa e in quella gara uscì lo spirito di squadra”.

error: All rights reserved
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker